DI – STANZE NATURALI, un progetto di Annalisa Melas

Camminare in un parco di città è come camminare attraverso numerosi giardini privati, che si susseguono uno accanto all’altro.

Caminare dentro i giardini delle persone però non sarebbe bello, perché gli sguardi dei proprietari sarebbero diffidenti e circospetti, è la distanza concessa da un parco piuttosto grande che lo rende possibile, perché gli sguardi non possono raggiungerti e tu sei libera di osservare con rispettosa distanza, quello che accade. Sai che puoi guardare, senza sentire il rumore delle voci, senza sentire il fastidio dei loro sguardi; da lontano puoi cercare armonia, laddove altrimenti sentiresti solo note stonate susseguirsi senza senso.

Diventano quadri ordinati e freddi, che ti avvolgono con la loro insensata bellezza: non possono toccarti con la loro insensatezza. Messe là, in mezzo a uno spazio verde, inserite dentro linee ordinate e naturali, sembrano quasi belle, le persone!

Non serve più capire cosa stanno facendo, ne perché lo fanno: sono solo parte di quadri, dove tutto è al suo posto, immobile, eterno e muto.

Tutte le fotografie sono di proprietà di Annalisa Melas, vietata la riproduzione.

Per conoscere l’autrice vai al sito

Per seguirla su Instagram

Per conoscere l’autrice vai al sito

Per seguirla su Instagram

Spero il lavoro vi sia piaciuto!

Buona giornata

Sara Munari

Un pensiero su “DI – STANZE NATURALI, un progetto di Annalisa Melas

  1. bellissimo lavoro, ho visto ampi spazi dove le persone possono muoversi e vivere. Penso che le persone siano volutamente piccole per dare maggiore spazio all’aria, fuori dai contenitori. Complimenti !

Rispondi a alessandro Annulla risposta