👉Contamina, la narrativa trasversale – Musa fotografia –

Buongiorno, come state?

Come si racconta un’emozione, un luogo, una persona o un pensiero?
Il proprio mondo lo si costruisce attraverso tentativi e contaminazioni.
Esistono tanti codici narrativi, fatti di simboli e leggi specifiche, che dobbiamo conoscere per saper scegliere ciò che è più funzionale ai nostri bisogni.
I linguaggi sono in continua evoluzione, ma ognuno ha caratteristiche ben precise, differenti tra loro e riproducibili. CONTAMINA è basato sullo studio dei codici narrativi più importanti. 

Qui tutte le informazioni per seguire il corso tenuto da Simone Cerio, giovane e bravo fotogiornalista italiano 

Per informazioni clicca qui 

Studia coi migliori professionisti!

Buona giornata!

Ciao Baci! Sara 

Ecco tutti gli altri corsi di reportage e racconto fotografico:

 A prescindere che tu segua i percorsi o meno, se ti iscrivi contemporaneamente a quattro corsi, ottieni uno sconto del 10%

Questo anno scolastico è ricco di novità! Da Musa puoi seguire due tipi di formazione:

I PERCORSI DI STUDIO composti da più corsi singoli e strutturati secondo una cronologia che permette di seguire un percorso di crescita omogeneo in un determinato settore della fotografia.

Percorso autoriale Impara, trova la tua strada, scatta ed esponi

Percorso linguaggio fotografico Impara a parlare fotograficamente

Master in fotogiornalismo per sapersi muovere nel mondo del reportage professionale

CORSI SINGOLI tutti i corsi singoli organizzati per la nuova stagione scolastica

CORSI ONLINE proposta dei corsi di fotografia via web

Partecipa al Premio Musa per donne fotografe 

Calling The Birds Home, bellissimo lavoro sulla demenza senile.

Calling The Birds Home, un lavoro delicato ed emozionante della fotografa Cheryle St. Onge, sulla malattia che ha segnato sua madre. buona visione, Sara

Presentazione del lavoro:

Mia madre e io abbiamo vissuto fianco a fianco, nella stessa fattoria, per decenni. Il nostro amore era reciproco e costante. Purtroppo ha sviluppato una demenza vascolare, e così ha iniziato ad avere problemi con le sue emozioni e la memoria. All’inizio ho smesso di fare foto con lei, poi ho smesso di fare foto.

Forse come risposta alle sue conversazioni sul perché voleva morire, su come immaginava di poter morire. E poiché avevo bisogno di un po ‘di felicità, di luce nel pomeriggio,ho iniziato a scattare questi ritratti di mia madre. I ritratti li ho realizzati con qualsiasi fotocamera avessi a portata di mano, come distrazione dalla paura di vederla svanire. Volevo condividere l’atto di essere lì in quel momento e condividere la natura effimera del mio sguardo e del suo vedere.

Ora, che lascio la nostra casa e mia madre, la gente mi cerca. Vogliono raccontarmi le loro storie e vogliono ascoltare le mie. È un bellissimo avanti e indietro. A causa della demenza, con mia madre non abbiamo più conversazioni, però abbiamo ancora questo profondo scambio: la realizzazione di un ritratto.

Mia madre fa del suo meglio e io faccio il mio. E poi a mia volta, do la foto a chiunque la guarderà. (traduzione di parte della presentazione al lavoro, sul sito dell’autrice)

PER VEDERE IL LAVORO COMPLETO VAI AL SITO

Bio della fotografa

Cheryle St. Onge è di Worcester, nel Massachusetts. È cresciuta nei campus universitari come unica figlia di un professore di fisica e pittore. Le sue fotografie sono state ampiamente esposte, in particolare alla National Portrait Gallery di Londra, alla Princeton University, al Griffin Museum, all’Università del Rhode Island, al Massachusetts College of Art, alla Rick Wester Fine Arts e alla mostra itinerante dell’American Institute of Architects. Ha ricevuto numerosi premi e residenze, tra cui una John Simon Guggenheim Fellowship del 2009.
Le sue fotografie sono in molte collezioni private e pubbliche, tra cui il Museo d’Arte dell’Università del New Mexico, il Museo di Belle Arti di Houston, la Collezione Cassilhaus e la Fondazione Guggenheim.
È stata docente presso la Phillips Exeter Academy, la Clark University, il Maine College of Art e l’Università del New Hampshire.

Leggiamo le tue fotografie, compiti a casa. Inviale!

Buongiorno, ecco a voi il “Compito a casa n°7, a cura di Filippo Crea.

NOTE VARIE

*** Rilevo con rammarico che è prossima allo zero assoluto il desidero di apprendere la buona fotografia. Un <compito>, LO SPECCHIO, di certo non facile, al momento della chiusura di questo mio rilievo, non ha partorito neanche una fotina. Lo avevo previsto. Che bisogno c’è di affaticarsi con una ricerca a tema? Zia Cesarina è già orgogliosa delle mie foto. Avanti in retromarcia!

*** Mario De Biasi – Anni fa andai a intervistarlo. Umanissimo e semplice, rise di gusto quando insieme ricordammo una mia lettera al Corriere della Sera, nella quale sollecitavo per lui la concessione da parte del Comune di Milano di un < Ambrogino d’Oro>. De Biasi girava sempre con un notes in tasca, registrava il luogo o la cosa che lo aveva interessato per avvalersene magari in altro momento più opportuno.  

Per partecipare alle letture dovreste inviare le vostre fotografie a pensierofotografico@libero.it con l’indicazione di nome e cognome dell’autore, e città di residenza, e il titolo del tema trattato, entro il  giorno 10 di ogni mese.

Ogni persona non potrà inviare più di 4 fotografie, NOMINATE CON NOME E TEMA (es. Filippocrea ombre) (in caso non si rispettasse questa regola, l’autore non verrà considerato).

TASSATIVO PER LA PARTECIPAZIONE: le fotografie dovranno rispettare questi parametri: formato JPG – profilo colore SRGB – risoluzione 72 – dimensione max 1920 pixel per il lato più lungo – peso max 2 MB. Le fotografie che non avranno queste caratteristiche o peseranno troppo, non verranno considerate. Le fotografie non devono essere inviate in formato pdf o in qualsiasi altro formato che ne blocchi la visualizzazione singola. Per aiutarvi:

Per ridimensionare: https://www.iloveimg.com/

Per comprimere il peso: https://compressjpeg.com/it/

Questa vuole essere un’opportunità per i fotografi che hanno voglia di condividere e capire le proprie immagini, non una vetrina per pochi eletti.

Ci scusiamo se non riusciremo a pubblicare tutte le immagini, nel caso ti dovesse succedere di non venire pubblicato, ritenta coi temi successivi

Laura Anania di Genova – LE OMBRE

Laura mi scrive “invio la mia fotografia, cosciente di essere un’assoluta neofita e di avere solo da imparare e tanto” – Laura, ecco la sua fotografia che mi è molto piaciuta per la sua armonia compositiva. L’ombra del Crocifisso si disegna su di un muro che la ospita con garbo e discrezione. Mi farà piacere vedere altre sue prove.

David Guazzini di Nizza – DALL’ALTO

Una proposta che ha il suo plus nella equilibrata composizione dell’insieme. Il fotogramma ha due segmenti distinti; in alto la sabbia, in basso l’acqua che si distende quietamente. Al confine dei due si allungano, prezioso complemento, le poche ombre che generano un contrasto non invadente ed accattivante con il monocromatismo del tutto. Bravo.

David Guazzini di Nizza – DALL’ALTO

David ha tentato una escursione nel terreno scivoloso del creativo. In questo tipo di fotografia il ricorso ad un’ottica grandangolare, a motivo delle sue complesse connotazioni ottiche, è sempre difficile da gestire. La testa della donna, difatti, è deforme. La sua non è, comunque, premiante. La messa a fuoco è precaria, sia in alto quanto in basso dove l’immagine è gelatinosa e penalizzante.

Giampaolo Gallarati di Pavia – QUATTRO FOTO A SEGUIRE:

Caro Gallarati, la mia missione è stata sempre quella di supportare chi si affida alla mia esperienza. Lei non supera gli esami. Per cercare di essere giudice migliore, ho cercato le sue foto in Facebook. Lei fa fotografia come quelli, tantissimi che fanno clic su qualsiasi cosa inciampano e, quindi, senza alcun obiettivo pre/meditato. Chiudo con un consiglio secco e, però, amichevole. Scelga uno/due temi (uno gradito e l’altro che le sia antipatico) e ad essi si dedichi con il massimo di impegno specifico. Mi scriverà per dirmi grazie. Avanti tutta!

*** dall’alto –In questa sua prova non c’è assolutamente un <focus>, intendo un punto di interesse che richiami l’attenzione di un qualsiasi osservatore. E’ un mix molto pasticciato. Provi a dire a sé stesso che cosa vi aveva visto di ok e cosa intendeva comunicare. 

*** dall’alto – Gallarati, perché ha cucinato questo city/minestrone? Ancora una volta: dica a sé stesso quale è il <centro di interesse> di questa cosa. Quale presenza fra le molte qui mal messe insieme l’aveva interessata?

*** la notte – Boh! Doppio boh! Forse sono diventato totalmente incapace di capire. E sono fortemente disorientato. Mi perdoni!

*** Le ombre – A Napoli c’è un detto consolatorio. Eccolo: “nisciuno è nato <‘mparato>. Che ci fa quella macchia nera in adorazione di mezza colonna di marmo affetta da morbillo?

David Guazzini di Nizza – DALL’ALTO

Uno sguardo davvero ok ed una bella intuizione. La marcia in più di questa immagine è nella presenza cromaticamente forte della giovane in rosso che gioca un bel contrasto con la mediocrità dell’ambiente, e che assegna vigore ad un sito anonimo e mediocre. La presa inclinata, necessariamente obbligata dalla esigenza di mostrare i diversi piani della scala, è infine molto funzionale. (foto)

Franca Donati di Bologna – L’ATTESA

Cara Franca, ecco la sua foto che trovo decisamente coerente con il tema prescelto. E’ un foto/racconto di struttura semplice, e la cosa non è riduttiva. L’immagine ha non pochi plus suggestivi. Il primo è l’impianto scenico: Il ragazzo, “attende” con il suo trolley per terra l’autobus che sarà lì da qui a poco, ed il suo smartphone non è certo di troppo. Mi piace infine l’atmosfera del luogo, connotata da una luce solare quieta e tiepida, che è un complemento arricchente di questa sua attesa.

Giuseppe Contino di Ospitaletto – LA MUSICA

Una foto sulla musica con qualche eccesso di presenze. Io farei sparire dal lato sinistro del quadro un bel terzo secco dell’inquadratura. Per chiarire ecco la sua foto ed ecco la mia proposta <ghigliottinata> che ripulisce la sua foto da quanto c’è disturbante. Scelga lei e scelgano i lettori. La <ghigliottina> è uno strumento che consente spesso di salvare una prova compromessa da qualcosa di troppo. (qui le due foto accostate)

Giuseppe Contino di Ospitaletto – LE OMBRE

Una fotografia catturata dove? Ci venga in aiuto, e ci faccia capire dove e come l’ha beccata.  Io credo che si tratti di un’immagine che lei ha scovato e <copiato>, bella e pronta, ipotizzo, da una scena teatrale, o magari da una pubblicazione d’arte. E comunque non è certamente una prova partorita da una meditata ricerca personale per una caccia alle ombre. E quindi non è roba coerente con le finalità della rubrica. (foto)

Marta Bersani di Alassio – LE OMBRE

Marta ha fatto suo l’esercizio del <fotografare a tema>. Qui una riprova del suo <far fotografia> dedicato, per cominciare, solo a due temi: le ombre e la musica. Marta ha prescelto questo scatto che, dice, non la soddisfa granché. Questa fotografia, afferma, le sembra priva di atmosfera. Condivido solo in parte; questa foto documenta, intanto, il suo impegno a cercare che è stato, a mio avviso, premiante. Non molti, difatti, avrebbero aspettato, l’ombra giusta sul fusto di una palma. Brava, Marta.

Marta Bersani di Alassio – LA MUSICA

Ecco una soluzione decisamente diversa e creativa del tema. L’autrice, in breve vacanza a Calvi in Corsica, ha notato questa affiche che promuove un concerto di musica polifonica che è tipica dell’isola. Brava l’autrice che si muove senza fette di prosciutto sugli occhi, e che ha rilevato nel manifesto una gestualità tipica di questi artisti corsi che coprono le loro orecchie con una mano per meglio armonizzarsi con la coralità del gruppo. (foto) 

Saverio Mirante di Meda – LE OMBRE

Le ombre qui al servizio di un foto/racconto umano. Un uomo in compagnia di una persona alla sua sinistra, ed assistito dal suo bastone, risale quietamente il fotogramma tracciando il suo percorso in diagonale. Ok per la presa inclinata che ha assegnato una misurata presa di vita ad una immagine altrimenti paralizzata.

Gaia Rocco di Vercelli – LA NOTTE

Una notte questa che ha il pregio di un racconto verista. Un campetto sportivo alla buona, male illuminato da due anemici lampioni, per una partitella serale di pallavolo, e pochi spettatori distratti. La fotografia è <rugginosa>? Vero, è sgranata e, però, chissenefrega, la narrazione ambientale e l’atmosfera dell’ora e del luogo sono pienamente raccontati. OK Gaia!

Gaia Rocco di Vercelli – LA NOTTE

Notevole suggestione in quest’opera. Due figure si muovono solitarie, messe in evidenza da una provvidenziale banda luminosa su di un palcoscenico coerente con il silenzio di sito di questa periferia piuttosto industrializzata. Una prova ottimamente messa insieme.

Walter Giacosa di Voghera – L’UOMO E IL MANIFESTO

Il luogo appartiene sicuramente allo shopping elegante. E le due figure sono decisamente complementari a quelle di carta. Composizione perfetta: le due presenze in scena sono opportunamente distanziate l’una dall’altra e ciò favorisce di molto la lettura del tutto.

Alla Prossima! Filippo Crea

👉Photoediting creativo: perchè, come scegliere e ordinare le tue foto in un progetto – Musa fotografia

Buongiorno, come state?

Dai che abbiamo riaperto! Vieni a visitarci! 

Vi presento un corso molto richiesto e che ha avuto molto successo nella sua ultima edizione: 

Photoediting creativo.

Per comprendere come scegliere le fotografie giuste e ordinare il proprio lavoro, enfatizzandone le qualità tramite la visione di linguaggi contemporanei e di studio su sequenze narrative. 

Data del corso 18 Dicembre 2021. 

Per informazioni

👉Lo stesso corso è disponibile online in data 5 Novembre 2021 ed è tenuto da Paola Riccardi.

Per informazioni 

Ciao! Buona giornata! 

A prescindere che tu segua i percorsi o meno, se ti iscrivi contemporaneamente a quattro corsi, ottieni uno sconto del 10%

Questo anno scolastico è ricco di novità! Da Musa puoi seguire due tipi di formazione:

I PERCORSI DI STUDIO composti da più corsi singoli e strutturati secondo una cronologia che permette di seguire un percorso di crescita omogeneo in un determinato settore della fotografia.

CORSI SINGOLI tutti i corsi singoli organizzati per la nuova stagione scolastica

CORSI ONLINE proposta dei corsi di fotografia via web

Ti aspetto!

Sara Munari 

Per informazioni sui corsi corsi@musafotografia.it

Leggi le recensioni dei corsi

👉Racconta la tua storia! Come costruire un progetto, con Sara Munari

Buongiorno, come state?

Questo corso si propone come obiettivo di indicare quali siano le modalità della narrazione fotografica, dalla ideazione del progetto, alla sua concretizzazione. Il corso si rivolge ad amatori e professionisti che vogliono approfondire le conoscenze di struttura e editing di un progetto fotografico pensato ed esteso. 

Il percorso prevede la realizzazione di un progetto personale che verrà strutturato e finito entro la fine delle lezioni.

Il corso è tenuto da Sara munari. 

Per informazioni clicca qui 

Studia coi migliori professionisti!

Buona giornata!

Ciao Baci!

Sara   

A prescindere che tu segua i percorsi o meno, se ti iscrivi contemporaneamente a quattro corsi, ottieni uno sconto del 10%Questo anno scolastico è ricco di novità! Da Musa puoi seguire due tipi di formazione:

I PERCORSI DI STUDIO composti da più corsi singoli e strutturati secondo una cronologia che permette di seguire un percorso di crescita omogeneo in un determinato settore della fotografia.

Percorso autoriale Impara, trova la tua strada, scatta ed esponi

Percorso linguaggio fotografico Impara a parlare fotograficamente

Master in fotogiornalismo per sapersi muovere nel mondo del reportage professionale

Storytelling per costruire una storia insieme capendo modalità e funzione del racconto

CORSI SINGOLI tutti i corsi singoli organizzati per la nuova stagione scolastica

CORSI ONLINE proposta dei corsi di fotografia via web

Ti aspetto!

Sara Munari 

👉Storytelling – Racconta la tua storia! Musa fotografia – Con Sara Munari

Buongiorno, come state?

Questo corso si propone come obiettivo di indicare quali siano le modalità della narrazione fotografica, dalla ideazione del progetto, alla sua concretizzazione. Il corso si rivolge ad amatori e professionisti che vogliono approfondire le conoscenze di struttura e editing di un progetto fotografico pensato ed esteso. 

Il percorso prevede la realizzazione di un progetto personale che verrà strutturato e finito entro la fine delle lezioni.

Il corso è tenuto da Sara munari. 

Per informazioni clicca qui 

Studia coi migliori professionisti!

Buona giornata!

Ciao Baci!

Sara   

A prescindere che tu segua i percorsi o meno, se ti iscrivi contemporaneamente a quattro corsi, ottieni uno sconto del 10%Questo anno scolastico è ricco di novità! Da Musa puoi seguire due tipi di formazione:

I PERCORSI DI STUDIO composti da più corsi singoli e strutturati secondo una cronologia che permette di seguire un percorso di crescita omogeneo in un determinato settore della fotografia.

Percorso autoriale Impara, trova la tua strada, scatta ed esponi

Percorso linguaggio fotografico Impara a parlare fotograficamente

Master in fotogiornalismo per sapersi muovere nel mondo del reportage professionale

CORSI SINGOLI tutti i corsi singoli organizzati per la nuova stagione scolastica

CORSI ONLINE proposta dei corsi di fotografia via web

Ti aspetto!

Sara Munari 

Partecipa al Premio Musa per donne fotografe

Gordon Parks raccontato da Alessandra Mauro

Buongiorno, ecco un podcast interessante da ascoltare. A questo link trovate l’audio del racconto sul fotografo, di Alessandra Mauro:

Gordon Parks raccontato da Alessandra Mauro

Divertitevi, ciao

Sara

Chi è Gordon Parks

Untitled, n.d. Photograph by Toni Parks

Gordon Parks è uno dei più grandi fotografi del ventesimo secolo.  Ha lasciato un eccezionale corpus di opere che documenta la vita e la cultura americane dall’inizio degli anni Quaranta agli anni Duemila, con particolare attenzione alle relazioni razziali, alla povertà, ai diritti civili e alla vita urbana. Parks è stato anche un illustre compositore, autore e regista in contatto con molte delle persone di spicco della sua epoca, da politici e artisti ad atleti e altre celebrità.

Nato in povertà e segregazione a Fort Scott, Kansas, nel 1912, Parks è stato attratto dalla fotografia da giovane quando ha visto immagini di lavoratori migranti in una rivista. Dopo aver acquistato una fotocamera in un banco dei pegni, ha imparato da solo come usarla. Nonostante la sua mancanza di formazione professionale, vinse la Julius Rosenwald Fellowship nel 1942; ha lavorato per la Farm Security Administration (FSA) a Washington, DC, e, successivamente,  per l’Office of War Information (OWI). Lavorando per queste agenzie, che allora raccontavano le condizioni sociali della nazione, Parks sviluppò rapidamente uno stile personale che lo avrebbe reso uno dei fotografi più celebri della sua epoca.

Lorenzo Scola Pilots the Ship, Gloucester, Massachusetts, 1943. Gordon Parks

Parks era un uomo rinascimentale ma dei giorni nostri, la cui pratica creativa si estendeva oltre la fotografia nella narrativa e saggistica, composizione musicale, regia e pittura. Nel 1969 è diventato il primo afroamericano a scrivere e dirigere un importante film in studio di Hollywood, The Learning Tree, basato sul suo romanzo semiautobiografico, diventato  bestseller. Il suo film successivo, Shaft (1971), fu un successo di critica e di botteghino, ispirando numerosi sequel. Parks ha pubblicato molti libri, comprese memorie, romanzi, poesie e volumi sulla tecnica fotografica. Nel 1989 ha prodotto, diretto e composto la musica per un balletto, Martin, dedicato al defunto leader dei diritti civili Martin Luther King, Jr.

Pool Hall, Fort Scott, Kansas, 1950 Gordon Parks

Parks ha trascorso gran parte degli ultimi tre decenni della sua vita evolvendo il suo stile e ha continuato a lavorare fino alla sua morte nel 2006. È stato riconosciuto con più di cinquanta dottorati honoris causa e tra i suoi numerosi premi c’era la National Medal of Arts, che ha ricevuto nel 1988. Oggi, gli archivi del suo lavoro risiedono in numerose istituzioni, tra cui la Gordon Parks Foundation, Pleasantville, New York; il Gordon Parks Museum a Fort Scott, Kansas, e la Wichita State University di Wichita; e la Library of Congress, gli archivi nazionali e la Smithsonian Institution, tutti a Washington, D.C.

Il lavoro di Parks è nelle collezioni permanenti di importanti musei, tra cui l’Art Institute of Chicago; il Baltimore Museum of Art; il Cincinnati Art Museum; il Detroit Institute of Arts; l’International Center of Photography, il Metropolitan Museum of Art e il Museum of Modern Art, tutti a New York; il Minneapolis Institute of Art; il Museum of Fine Arts, Houston; il Saint Louis Art Museum; lo Smithsonian National Museum of American History, Washington, DC .; e il Virginia Museum of Fine Arts, Richmond.

Frisco Railway Station, Fort Scott, Kansas, 1950 Gordon Parks

Tutte le immagini sono di Gordon Parks