Gordon Parks raccontato da Alessandra Mauro

Buongiorno, ecco un podcast interessante da ascoltare. A questo link trovate l’audio del racconto sul fotografo, di Alessandra Mauro:

Gordon Parks raccontato da Alessandra Mauro

Divertitevi, ciao

Sara

Chi è Gordon Parks

Untitled, n.d. Photograph by Toni Parks

Gordon Parks è uno dei più grandi fotografi del ventesimo secolo.  Ha lasciato un eccezionale corpus di opere che documenta la vita e la cultura americane dall’inizio degli anni Quaranta agli anni Duemila, con particolare attenzione alle relazioni razziali, alla povertà, ai diritti civili e alla vita urbana. Parks è stato anche un illustre compositore, autore e regista in contatto con molte delle persone di spicco della sua epoca, da politici e artisti ad atleti e altre celebrità.

Nato in povertà e segregazione a Fort Scott, Kansas, nel 1912, Parks è stato attratto dalla fotografia da giovane quando ha visto immagini di lavoratori migranti in una rivista. Dopo aver acquistato una fotocamera in un banco dei pegni, ha imparato da solo come usarla. Nonostante la sua mancanza di formazione professionale, vinse la Julius Rosenwald Fellowship nel 1942; ha lavorato per la Farm Security Administration (FSA) a Washington, DC, e, successivamente,  per l’Office of War Information (OWI). Lavorando per queste agenzie, che allora raccontavano le condizioni sociali della nazione, Parks sviluppò rapidamente uno stile personale che lo avrebbe reso uno dei fotografi più celebri della sua epoca.

Lorenzo Scola Pilots the Ship, Gloucester, Massachusetts, 1943. Gordon Parks

Parks era un uomo rinascimentale ma dei giorni nostri, la cui pratica creativa si estendeva oltre la fotografia nella narrativa e saggistica, composizione musicale, regia e pittura. Nel 1969 è diventato il primo afroamericano a scrivere e dirigere un importante film in studio di Hollywood, The Learning Tree, basato sul suo romanzo semiautobiografico, diventato  bestseller. Il suo film successivo, Shaft (1971), fu un successo di critica e di botteghino, ispirando numerosi sequel. Parks ha pubblicato molti libri, comprese memorie, romanzi, poesie e volumi sulla tecnica fotografica. Nel 1989 ha prodotto, diretto e composto la musica per un balletto, Martin, dedicato al defunto leader dei diritti civili Martin Luther King, Jr.

Pool Hall, Fort Scott, Kansas, 1950 Gordon Parks

Parks ha trascorso gran parte degli ultimi tre decenni della sua vita evolvendo il suo stile e ha continuato a lavorare fino alla sua morte nel 2006. È stato riconosciuto con più di cinquanta dottorati honoris causa e tra i suoi numerosi premi c’era la National Medal of Arts, che ha ricevuto nel 1988. Oggi, gli archivi del suo lavoro risiedono in numerose istituzioni, tra cui la Gordon Parks Foundation, Pleasantville, New York; il Gordon Parks Museum a Fort Scott, Kansas, e la Wichita State University di Wichita; e la Library of Congress, gli archivi nazionali e la Smithsonian Institution, tutti a Washington, D.C.

Il lavoro di Parks è nelle collezioni permanenti di importanti musei, tra cui l’Art Institute of Chicago; il Baltimore Museum of Art; il Cincinnati Art Museum; il Detroit Institute of Arts; l’International Center of Photography, il Metropolitan Museum of Art e il Museum of Modern Art, tutti a New York; il Minneapolis Institute of Art; il Museum of Fine Arts, Houston; il Saint Louis Art Museum; lo Smithsonian National Museum of American History, Washington, DC .; e il Virginia Museum of Fine Arts, Richmond.

Frisco Railway Station, Fort Scott, Kansas, 1950 Gordon Parks

Tutte le immagini sono di Gordon Parks

Compito a Casa, leggiamo le tue fotografie. Mandacele!

Siamo al 4° “Compito a Casa” e andrò avanti. Nei miei tantissimi anni di dialogo coi fotoclub di tutta Italia moltissimi fotoamatori mi hanno scritto “ho compreso ora che la fotografia è un valore assoluto che non può essere mortificato da immagini generiche. Ho compreso con Voi che ci sono opportunità narrative di matrice superiore.” Cari lettori, io non ho mai promosso alcun concorso nel quale fosse ammesso il mortificante “tema libero”. Alcuni anni fa a Milano realizzai una Mostra che ebbe un eccezionale seguito. e che avevo titolato “IL SILENZIO”. Avevo concluso che, allorché si predica qualcosa, è d’obbligo impegnarsi in prima persona. E scelsi per me un tema difficile. Il silenzio è, difatti, cosa che non si vede e non si sente, e non si tocca. Continuerò quindi a proporre “i compiti” che sono una scuola irrinunciabile per chi desidera fare della Fotografia/FOTOGRAFIA. Ciao a tutti, Filippo Crea

Per partecipare alle letture dovreste inviare le vostre fotografie a pensierofotografico@libero.it con l’indicazione di nome e cognome dell’autore, e città di residenza, e il titolo del tema trattato, entro il  giorno 10 di ogni mese.

Ogni persona non potrà inviare più di 4 fotografie, NOMINATE CON NOME E TEMA (es. Filippocrea ombre) (in caso non si rispettasse questa regola, l’autore non verrà considerato).

Le fotografie dovranno rispettare questi parametri: formato JPG – profilo colore SRGB – risoluzione 72 – dimensione max 1920 pixel per il lato più lungo – peso max 2 MB. Le fotografie che non avranno queste caratteristiche o peseranno troppo, non verranno considerate.

Questa vuole essere un’opportunità per i fotografi che hanno voglia di condividere e capire le proprie immagini, non una vetrina per pochi eletti.

Ci scusiamo se non riusciremo a pubblicare tutte le immagini, nel caso ti dovesse succedere di non venire pubblicato, ritenta coi temi successivi.

Disegno di Filippo Crea

I temi per il prossimo mese:

l) LA MUSICA – per piacere, niente gruppuscoli musicali andini in centro città, niente bande musicali alla festa del Santo Patrono, niente violinisti con la ciotola per la raccolta delle monetine. OK per tutti?   

2) LA NOTTE – niente fotografie della Chiesa Matrice del Paese, o del Monumento ai Caduti nella piazza principale.

3) LE OMBRE – Sono un’opportunità creativa superiore. Cercatele con impegno programmato e con una inossidabile volontà di catturare prede di grande suggestione.

4) L’ATTESA – Considerate quante <attese> sono in attesa di un autore. Saranno almeno 9.999, e saranno tutte portatrici di narrazioni super.

5) L’UOMO ED IL MANIFESTO – andando in giro guardatevi intorno. Individuate un manifesto ruffiano, o mercantile, o politico, o di varia attualità, ed aspettate che davanti ad esso si materializzi una persona (o più) che dia vita ad un insieme che sia divertente, disturbante, armonico.

6)  “ALLO SPECCHIO” – Individuate superfici specchianti e fate in modo che diventino parte narrante delle vostre immagini.

Franca Donati di Bologna – VARIE
Cara e adorabile Franca e – cari e adorabili tutti. Lei è la prima a cadere sotto la falce delle regole non rispettate. E d’ora in poi sarà sempre così per chiunque. Lei mi indirizza quattro foto a dimensione <lenzuolo a due piazze> . Ed io ho sollecitato che le fotografie debbano essere di risoluzione 72. Capisca che se ognuno fa i propri comodi io non avrò tempo potabile per rimediare. Se crede ce le faccia riavere nel rispetto delle regole fissate. Perdoni, ma se ogni lettore fa i propri comodi, il tempo/lavoro diventa tre volte tanto.

Luciana Trappolino di Taranto – L’UOMO E IL MANIFESTO
Da cestinare. Perché? Da cestinare perché noi italiani non conosciamo la lingua “yddish” degli ebrei ortodossi e quindi non possiamo decodificare la relazione tra le due figure con il kippah e il testo del manifesto.

Michele Annunziata di Potenza – OMBRE
Michele, buongiorno. Noi chiediamo fotogrammi singoli e non . Pubblico una sua ombra, ed è bene così perché le altre due non si reggevano in piedi. Vediamola: è una immagine dotata di bella atmosfera d’ambiente; l’asfalto sbrecciato e le scritte volgarotte sul muro di fondo sono un concreto e funzionale complemento all’ombra del passante


Michele Annunziata di Potenza – LA NOTTE

Michele, parlo a lei, ma vale per tutti. D’ora in poi farò come ho fatto in passato. Cancellerò gli autori che, o per errore o per malintesa furberia, ci mandano più mail. A questa rubrica deve pervenire una SOLA mail con al MAX quattro immagini. Ok per tutti? Questa sua è molto OK; suggestiva la lama di luce che si allunga sul suolo, e suggestiva l’ombra che arricchisce l’insieme


Mariella Rizzotti di …, forse, Firenze

Cara Mariella, lei ci indirizza cinque immagini (la norma ne richiede solo quattro/Autore/MAX) – E le sue cinque foto, infine, lei le impasta malamente l’una sulle altre, trasformandole in un unico file. A noi toccherebbe di separarle, cosa che non vogliamo e non possiamo fare.
(===)


Mario Ciaruffoli di Pesaro – OMBRE
Carro Ciaruffoli, eccomi a lei. Molto bene per che è molo OK ma che non pubblico in quanto non è una immagine di ricerca, ma è un’immagine nata da una episodica. La legge lo consente, comunque. Le due ombre (quella con la scultura e quella con le sue gambe si è vista miliardi di volte) le cestini di corsa. Ecco qui la sua bicicletta che mio nipotino Nicolò avrebbe catturato senza difficoltà alcuna. Insieme alla sua le propongo una mia modesta rivisitazione che ha il plus di distendersi in orizzontale acquisendo un funzionale dinamismo ed un più armonico impianto. Verificate regolarmente l’equilibrio compositivo delle vostre foto e scoprirete se e quanto c’è da .
(foto 1 e foto 2)


Luciana Trappolino di Taranto – L’UOMO E IL MANIFESTO
Fotografia molto bella. Due figure di carta e due in carne ed ossa che passano oltre disinteressandosi del significato sociale dell’affiche. Elegante e funzionale all’immagine, infine, il sobrio monocromatismo dell’insieme. Scommetto che Luciana abbia percepito il manifesto, e che si sia messa poi in attesa dei personaggi giusti.

Federico Pasquetti di Roma – LO SPECCHIO
Questa sua prova sembra partorita da una battuta di caccia in una esclusiva riserva della fantasia. Un’immagine raffinata che, anche a motivo di certa sua indefinitezza, sa di mistero. Bravo!

Luciana Trappolino di Taranto – L’UOMO E IL MANIFESTO
Non supera gli esami e finisce nel cestino. Luciana, mi dica dove è la figura umana irrinunciabile in questo tema? Io non la trovo. Non si è ancora metabolizzato capito che Filippo Crea non accetta immagini “fuori tema”.

Federico Pasquetti di Roma – L’UOMO E IL MANIFESTO
Caro amico. NO, NO, e NO – per questo esercizio un imperativo assoluto è che davanti ad un manifesto ci sia una (o più) persona in carne ed ossa – con una relazione immediata tra affiche e figura umana. Lei ha fotografato nient’altro che un manifesto ed anche mia zia Gemma può far ciò senza difficoltà alcuna. A destra, infatti, entrambi emarginati, una suorina si allontana ed un uomo è lì, del tutto disinteressato. Ho stato spiegato?

Federico Pasquetti di Roma – LO SPECCHIO

Pasquetti, la sua ripresa realizzata, credo, in un garage, la porti di corsa all’inceneritore. E’ confusa, pastroccchiata, senza alcun plus.
Lo specchio che segue è , ed è mediocre. Io qui gliene propongo una versione ghigliottinata che è appena appena più potabile, pur restando mediocre. La sua è una foto . La mia, se non altro, è più e più pulita.
(foto A e foto B)

Marinetta Bisi di Bologna – LO SPECCHIO
Marinetta, davvero un bel nome. Complimenti per l’acutezza del suo sguardo che ha conciliato in maniera accattivante l’evidente fattura architettonica con la delle figure visibili nello specchio. Diverso è il caso delle tre consorelle, ingombre di troppa roba inutile e pastrocchiata, e la cui composizione è quindi assolutamente precaria.

Giuseppe Tarantino di Genova – LA MUSICA
Tarantino, speravamo che fosse uno stimolo per i fotoamatori ad impegnarsi ad uscire dal banale. Fiducia delusa. I marciapiedi delle città sono strapieni di violinisti in attesa della monetina, di chitarristi con cagnolini denutriti, e di complessini messicani con sombrero. Può e essere raccontata in maniera meno banale.

Mariano Alterio di Napoli – LA MUSICA
Originalissima ed impeccabile esecuzione del compito. Chi oggi fa musica può anche avvalersi di speciali supporti tecnologici. Da notare l‘espressione suggestivamente assorta dei due giovani insieme impegnati allo strumento. Una prova di matrice super a pieno titolo.

Marianna Albricci di Venezia – L’UOMO E IL MANIFESTO

Una proposta giovane e di presa immediata, e molto OK. Il ragazzo seduto in primo piano è chiaramente interessato alla sua coetanea di carta. E la complicità fra i due sembra già inossidabile. Ecco cosa si vuole da questo tema: che figura di carta e figura umana .

Marianna Albricci di Venezia – L’UOMO E IL MANIFESTO
Marianna ha evidentemente ben metabolizzato la nostra proposta tematica e non ha aspettato che l’occasione OK bussasse alla sua porta. Ha cercato ed indagato le 9.999 possibili soluzioni. E qui eccone una. La passante è elegante, e la figura nel manifesto è assolutamente coerente con lei. Ecco cosa significa cercare e non contare sul caso.
(foto)

Luciana Trappolino di Taranto – LO SPECCHIO
Luciana, forse la calura di questi giorni mi ha impedito di riconoscere le positività di questo suo … specchio. Un pastrocchiato foto/bazar da dimenticare di corsa.

Luciana Trappolino di Taranto – LO SPECCHIO
Delicato e tenerissimo questo nel quale è fondamentale ed è protagonista la dolcezza dello sguardo della mamma che fa capolino dal margine destro dell’immagine. Anche Vivian Maier con la sua presenza impalpabile impreziosisce questo foto/racconto.

Marianna Cuzzocrea di Milano – L’UOMO E IL MANIFESTO
Una proposta divertente e divertita, semplicissima, che Marianna ha beccato in Piazza del Duomo alcuni anni fa. C’è poco da commentare, il foto/bozzetto parla molto e bene da sé. E attendere e catturare l’espressione perplessa
del ghisa è la riprova che fa di Marianna un’osservatrice intelligente.

Sergio Polizio di Milano -LO SPECCHIO
Milano City si presta moltissimo a foto/ricerche originali e suggestive. Come in questo caso in cui l’Autore ha visto e messo in bel disordine compositivo le maschere di una bottega alla moda. E qui il plus della serialità fa la suggestione dell’immagine

Alexandrine Beyssac di Mentone – LO SPECCHIO
Alexandrine ha visitato il modernissimo MUDEC di Marsiglia ed ha fatto un giretto intorno al suo perimetro che guarda il mare. Ed ha catturato uno dei muri esterni del Museo dotato di una superficie specchiante. Il risultato? Una composizione con personaggi che umanizzato il palcoscenico.

Benedetta Bassi LA MUSICA

Benedetta, eccomi con questa sua soluzione che decisamente è molto accattivante e che lo è anche per essere in B/N – Il colore avrebbe infatti <impapocchiato> questa immagine che essendo ricca di presenze di marca, ne sarebbe stata penalizzata.

Benedetta, non è un imperativo inviare 4 fotografie. Fino a 4 sì, oltre NO.

Benedetta Bassi SPECCHIO

I giochini in post/produzione spesso fanno molto male alla Fotografia. Succede per il fatto che non sono pochi quelli che si smarriscono nel terreno del … pacchiano, convinti di fare della creatività. Qui lei ha scovato un volto <speciale> che una superficie specchiante (il finestrino di un treno, immagino) ha restituito elaborato con misura e con sicuro buon gusto.

Emilio Morenatti, la foto da Pulitzer

Il fotografo spagnolo Emilio Morenatti ha vinto il Premio Pulitzer con il suo lavoro incentrato su immagini scattate agli anziani durante il Covid-19 in Catalogna. Le sue immagini molto commuoventi, hanno convinto la giuria.

Il fotografo fa parte dell’agenzia Getty Images, dopo Javier Bauluz (1995), Manu Brabo (2013) e Susana Vera (2020) è il quarto vincitore spagnolo del premio, nella sezione fotografia.

La sua iconica foto di Agustina Cañamero, 82 anni, e Pascual Pérez, 85 anni, mentre si baciano e si abbracciano attraverso la pellicola di plastica per evitare di contrarre il virus in una casa di cura a Barcellona, ha colpito nel segno.

Cañamero e Pérez sono sposati da quasi sessant’anni e l’abbraccio è stato emozionante non solo per loro, ma per tutti coloro che lo hanno assistito, compreso Morenatti.

Morenatti ha vinto il Premio Putlizer per la sua serie che ha documentato la vita degli anziani in Spagna che stavano lottando durante la pandemia di Coronavirus.

AP Photo/Emilio Morenatti

Qui un video che spiega anche le ragioni della vincita

Ciao

Sara

Edna Egbert si butta di sotto!

Mi piacciono i piccoli fatti di cronaca che vanno a buon fine.

Ho trovato la storia di una non ordinaria mattinata della Signora Edna Egbert , ve la voglio raccontare…

La signora nella foto è Edna Egbert. Siamo nel 1942 e la signora Egbert viveva nell’edificio all’epoca al n. 497 di Dean Street.

La signora Egbert, chiaramente sconvolta, combatte a “specchiate” (ha uno specchio in mano) con la polizia.
Suo figlio, Fred, si era arruolato nell’esercito e dopo aver presunto che fosse morto, a causa della prolungata assenza di notizie da parte sua, per frustrazione Edna , salì sulla sporgenza del suo palazzo e si mise a gridare: “Sto per saltare, mi butto di sotto!”.

(Photo credit: Charles Payne / Daily News).

La folla si radunava per la strada e gli agenti Ed Murphy e George Munday cercavano di persuaderla a tornare dentro, lei, brandendo uno specchio inveiva contro di loro. La polizia le afferrò le braccia e lei si sedette sulla sporgenza e la spinsero rapidamente nella rete.

(Photo credit: Charles Payne / Daily News).
Dopo aver tentato di convincere la signora Egbert a tornare a casa sua, lei saltò. Questa immagine è uno screenshot del New York Post (20 marzo 1942).

Secondo i registri di censimento, la signora Egbert aveva tra i 42 e i 44 anni, suo marito, John Egbert aveva 64 anni e loro figlio, Fred, aveva 20 anni.

La didascalia originale sull’ International News Photo recita: Tre poliziotti e il dramma di una donna.

Fate i bravi stamattina, ciao Sara

Compiti a casa, leggiamo le tue fotografie!


Buongiorno a tutti, ecco l’appuntamento coi “Compiti a casa” di Filippo Crea.

Per partecipare alle letture dovreste inviare le vostre fotografie a pensierofotografico@libero.it con l’indicazione di nome e cognome dell’autore, e città di residenza, e il titolo del tema trattato, entro il  giorno 10 di ogni mese.

Ogni persona non potrà inviare più di 4 fotografie (in caso non si rispettasse questa regola, l’autore non verrà considerato).

Le fotografie dovranno rispettare questi parametri: formato JPG – profilo colore SRGB – risoluzione 72 – dimensione max 1920 pixel per il lato più lungo – peso max 2 MB. Le fotografie che non avranno queste caratteristiche o peseranno troppo, non verranno considerate.

Questa vuole essere un’opportunità per i fotografi che hanno voglia di condividere e capire le proprie immagini, non una vetrina per pochi eletti.

Ci scusiamo se non riusciremo a pubblicare tutte le immagini, nel caso ti dovesse succedere di non venire pubblicato, ritenta coi temi successivi.

I temi di questo mese:

l) LA MUSICA – per piacere, niente gruppuscoli musicali andini in centro città, niente bande musicali alla festa del Santo Patrono, niente violinisti con la ciotola per la raccolta delle monetine. OK per tutti?   

2) LA NOTTE – niente fotografie della Chiesa Matrice del Paese, o del Monumento ai Caduti nella piazza principale.

3) LE OMBRE – Sono un’opportunità creativa superiore. Cercatele con impegno programmato e con una inossidabile volontà di catturare prede di grande suggestione.

4) L’ATTESA – Considerate quante <attese> sono in attesa di un autore. Saranno almeno 9.999, e saranno tutte portatrici di narrazioni super.

5) L’UOMO ED IL MANIFESTO – andando in giro guardatevi intorno. Individuate un manifesto ruffiano, o mercantile, o politico, o di varia attualità, ed aspettate che davanti ad esso si materializzi una persona (o più) che dia vita ad un insieme che sia divertente, disturbante, armonico.

6) NUOVO TEMA “ALLO SPECCHIO”

Cari Signori,

il prossimo oggi parte il nuovo COMPITO A CASA per il quale avrete a disposizione i cinque temi già assegnati e, in più, un sesto compito: “LO SPECCHIO” – Per aiutarvi a trovare soluzioni non affette da <banalità croniche> vi propongo, seppure con anemici commenti, alcune fotografie di diversa fattura, che potranno, spero, stimolarvi a cercare soluzioni fuori dall’ordinario. Alt! Questo scritto non pretende, quindi, di spiegare come ….., è solo una provocazione. Buon divertimento, filippo crea

1) NERONE, GATTO CURIOSO – La marcia in più è qui nel <doppio> della persona in alto che fa il verso a Nerone in basso. O, forse, viceversa.

2) CHRISTIANE E GEORGES – Due simpatici amici francesi, festeggiano l’anniversario di qualcosa. E sono felici. E monsieur si offre al fotografo mentre madame osserva divertita.   

3) UNA GRU IN CHIESA – Questa gru non è entrata spontaneamente in una Chiesa di Milano. Era fuori in piazza Santo Stefano ed una superficie specchiante all’interno dell’edificio la ha catturata per qualcosa di suggestivo.

4) MAMMA, HO PAURA – Ecco <l’uomo nero>, quello che spaventa i bambini. Sono io così conciato, mio malgrado, da uno specchio alterato dal tempo. Una proposta che gioca sul grottesco generato da una superficie specchiante. Sì, proprio come quella che è frequente nei luna park. Un’opportunità infinita.

5) CIAO, COSA VUOI? – Come hai fatto a sporcarti così tanto? E’ una immagine divertente allegra, viva, simpatica. Un esempio, ancora diverso tra i diversi, fra i 9.999 possibili per il tema.

6) OGGI TOCCA A TE – Siamo intesi? O no?

7) ALBERGO A ORE – Una fotografia firmata da un Maestro della Fotografia. BRASSAI, nato a Brasov, città rumena. Ha vissuto sempre, pariginissimo tra i parigini, nella capitale francese. Curiosissimo di tutto, di umanissima cultura, ha raccontato a meraviglia questa città. Qui vi propongo <Hotel de passe>, in italiano <albergo ad ore>.

8) SONO UN GATTO FIGO – Ed eccolo, Matou, vanitoso ed attentissimo a verificare che i baffi siano in ordine. Una presa che comprova come per <lo specchio> si possa pescare agevolmente anche nel mondo domestico.

9) LO SPECCHIO DI DANIELA – Una proposta intelligente. Una proposta indefinita che apre ad interrogativi non decodificabili. E’ di Daniela Ros, giovanissima di Chiavari che con questa foto si è aggiudicata un premio in un contest che vedeva in competizione fotografi italiani e francesi.

MARSIGLIA – Davanti al MuCEM, un Museo d’avanguardia, una superficie/ specchio è stata l’occasione da non perdere assolutamente per immagini grafiche o geometriche di impatto accattivante e immediato.

LO SCOOTER – Una occasione fortunata ha consentito alla ragazza di rifarsi il trucco alle labbra. Una foto umanissima e credibile composta con poche ed essenziali presenze sceniche.

MILANO CITY – Una installazione di fattura modernissima in uno spazio d’avanguardia della città. Il plus dell’opera è nella serialità apparente ed immutabile delle maschere. Dico apparente perché ciascuna di esse è diversamente orientata nell’insieme.

LA HALL DI CASA – No, non è così grande la mia casa in Francia. Ho sfruttato degli specchi dell’arredo per <gonfiare> l’importanza dell’ingresso condominiale. La serialità delle cassette postali condominiali mi è stata felicemente opportuna.

Ecco i vostri compiti a casa:

COMPITO A CASA N° 3

*** Paolo Lessi di Tradate – LA MUSICA

Un’opera ben strutturata e di bella atmosfera. Gli spettatori in primo piano, a destra e a sinistra della scena, introducono un ambiente armonicamente esaltato dalla presenza rossa della danzatrice. Benissimo! – Le sue altre proposte annegano nella mediocrità.

***Mara Lombardi di Cassago Brianza – LA MUSICA

No, Mara. Questa tua foto è confusa, pastrocchiata, cromaticamente pesante e funerea. Non si capisce quali siano le valenze da te attribuita a questa prova povera di contenuto narrativo e di positività compositive.

*** Giovanna Furlan di Ossona – LE OMBRE Molto ben vista e di buonissimo livello questa sua ombra. Le altre non innovano un tubo, e sembrano uscite dalla stessa catena di montaggio. Ripeto ancora: “se non si ha voglia di impegnarsi nella ricerca del nuovo si lasci perdere”.

***Elisabetta Gamberini di Minerbio – LA MUSICA Quest’immagine è connotata dal forte cromatismo dell’insieme e dal netto contrasto tra la metà in basso geometrica, secca e tagliente, e la parte in alto densa ed uniforme. Elisabetta, l’altro viraggio di questa prova, va sbattuto via di corsa. E’ innaturale.

Simone Sangalli di Cernusco S/N – L’UOMO E IL MANIFESTO

Ottima soluzione la sua al tema. Siamo obbligati a chiederle scusa. Una panne al mio PC – ha provocato lo smarrimento della sua fotografia. Ce ne dispiace moltissimo.

Simone Franchi di Erba – LE OMBRE

Simone, No e NO – Lei deve ripetere gli esami. Di ben cinque compiti disponibili, lei ne ha trattato solo uno, e per quell’uno lei ha proposto soltanto una foto, questa, priva di qualsiasi valenza narrativa o grafica. Una prova che ricorda solo una accidentale macchia d’inchiostro.

***Elisabetta Gamberini di Minerbio – LA MUSICA

Nessuna legge dello Stato prescrive che la fotografia debba essere sempre seriosa. E questa proposta di Elisabetta mi piace molto. Il bimbo è impegnato a scoprire quanto c’è nella chitarrina appena ricevuta in dono, ed è al centro dell’attenzione, protetto, a destra e a sinistra, dal papà e dalla mamma. Una composizione piacevolmente acquarellata.

***Greta Ansaldo di Donoratico – LE OMBRE

Una presa che mi piace intanto perché non partorita dal caso, ma perché premeditata. Le due ombre, in alto a destra e in basso a sinistra, recitano due ruoli chiaramente diversi. Ed è bene che esse <stacchino> su una lavagna uniforme e pulita.

***Gabriele Tagliabue di Limbiate – L’UOMO E IL MANIFESTO

Uno scatto in cui la relazione tra uomo e manifesto è immediata, Il bello e la bella di carta simpaticamente insieme e sorridenti. C’è solo da rilevare che <per trovare bisogna cercare> – E Gabriele ha cercato, ha guardato, ed ha ben trovato.

***Greta Ansaldo di Donoratico – LE OMBRE

Cinque <saltatori> divertiti e divertenti in questa armonica composizione che li vede in scena ben distanziati gli uni dagli altri. Ancora una riprova che la fotografia abbisogna del dono della creatività.

***Emilio Leoni di Como – L’UOMO E IL MANIFESTO

Impagabile la grinta della signora che entra in scena senza degnare di uno sguardo la morbidona del profumo di Cavalli. Due protagonisti, uno di carta e l’altro del reale, nettamente contrapposti nel rispetto del tema che vuole d’obbligo una qualsivoglia e credibile coerenza.

***Marella Sartori di Bernareggio – L’ATTESA

Gli scacchi, un gioco che richiede grande concentrazione. Occhio all’espressione intensa del bambino, del quale è fortissima l’attesa della prossima mossa. Credo che la prossima mossa spetti al ragazzino. Ma è cosa che poco importa. Brava davvero, Marella!

***Marella Sartori di Bernareggio – L’ATTESA

Della stessa autrice abbiamo proposto una <attesa> raffinata. E ne proponiamo qui ora una di matrice documentaria. Evidentemente Marella ha “sentito” suo il tema e si è messa a caccia, cosa che fanno solo pochi fotoamatori. La sbarra del passaggio a livello è abbassata e due ciclisti aspettano.

***Michela La Placa di Seregno

Se questa non è una bellissima notte, allora io sono un marziano. Bellissima, ed evocata con presenze impalpabili esaltate dalla incerta illuminazione del piano di fondo. E benissimo infine anche per il riflesso che si accende in basso nel fotogramma.

***Michel Aury di Mentone – LA NOTTE

Un tempo di presa chiaramente lungo ha <dipinto> questa automobile che corre veloce nella notte metropolitana, con la complicità narrativa di altre vetture/fantasma annegate nel buio dell’ora. Quest’opera dimostra che per ogni tema si possono cogliere diversissime modalità di espressione. Basta darsi da fare!

***Isabella Calcagno di Mentone – LA MUSICA

Una interpretazione del tema del tutto estranea a schemi abusati. Il pianista si esibisce tranquillo e dimentico degli ascoltatori presenti in scena, discreti e attenti. Anche il palcoscenico, il marciapiedi, è coerente con l’atmosfera dell’insieme.

***Luciano Bettini di Mestre – L’UOMO E IL MANIFESTO

Caro amico, No e NO. L’inquadratura ci mostra l’uomo nero e una signora che lo guarda. E non c’è niente che descriva l’ambiente in cui è recitata la scena. Una presa più ampia ci avrebbe proposto il palcoscenico di riferimento. Ed avrebbe ripreso un’auto di passaggio, l’insegna di un negozio, la corsa di due bambini, il passaggio di un Vigile) ed Invece lei ha posizionato la sua modella davanti all’affiche, ed ha fatto qualcosa che non parla. Dia uno sguardo alla foto di Leoni (un puntuale riscontro tra l’anziana signora e la bella di carta) ed alla foto di Tagliabue (un rapporto ironico tra l’affiche ed il <bello> in carne ed ossa). Chiaro così?  

per ANGELA RAVAIOLI di Genova – Angela le fotografie che vengono sottoposte alla mia valutazione NON MI FANNO SCHIFO, e non mi mandano in orgasmo.

Quando lei avrà capito che una fotografia mostrata a 16 persone può partorite anche 23 giudizi diversi, capirà (forse) anche il senso di una frase di un Grande Maestro, tale Ansel Adams che afferma “Ogni fotografia ha sempre almeno due autori <chi l’ha fatta e l’osservatore>” – Angela, spero che lei possa capire che imbufalirsi per una valutazione non in linea con le sue attese, è quantomeno pediatrico. Buona giornata, filippo crea

Storia di una fotografia: Il generale Loan e il prigioniero Viet Cong

Nguyen Ngoc Loan, il capo della polizia nazionale del Vietnam del Sud, ha giustiziato un combattente dei Vietcong, Nguyen Van Lem, a Saigon – 1 ° febbraio 1968 … Eddie Adams / Associated Press

Buongiorno, ecco la storia di questa fotografia che tutti conosciamo e che ha cambiato il corso della guerra del Vietnam. Ciao Sara

Il capo della polizia nazionale del Vietnam del Sud si avvicina con calma a un prigioniero nel mezzo di una strada di Saigon e gli spara un proiettile in testa.

A pochi metri di distanza c’è Eddie Adams, un fotografo Associated Press, che cattura il momento esatto dello sparo.

Il generale Nguyen Ngoc Loan, è in piedi con le spalle alla telecamera, il braccio destro completamente esteso, il prigioniero, Nguyen Van Lem, è un combattente dei Vietcong ma non indossa l’uniforme, solo una camicia a quadri e pantaloncini neri. Le sue mani sono ammanettate dietro la schiena. Anche se ha 30 anni, sembra poco più grande di un ragazzo. La sua faccia è contorta per l’impatto del proiettile.

Il mattino seguente, questa immagine era sulle prime pagine dei più importanti giornali americani, tra cui il New York Times. Lo scatto accompagnava il filmato della NBC.

Questa immagine ha contribuito al cambiamento dell’opinione pubblica. La gente cominciava a chiedersi chi fossero davvero i buoni e se la presenza in Vietnam fosse legittima.

L’esecuzione avvenne il 1 ° febbraio 1968, gli insorti si trovarono in molte delle città del Vietnam ed erano riusciti ad arrivare persino all’interno dell’Ambasciata degli Stati Uniti.

La foto di Adams ha vinto un premio Pulitzer e la rivista Time l’ha definita una delle 100 più influenti mai scattate.

Chi può definirsi autore in fotografia?

Buongiorno, tento di spiegarvi in poche parole quando un fotografo può definirsi autore nel mondo della fotografia.

Con questo intendo aurore riconosciuto come tale.

Fotografia di Francesco Comello, autore italiano.

Chi è un autore? L’autore è un individuo con spiccata creatività che
svolge ricerche con linguaggi spesso riconoscibili nel tempo, che si
trasformano in stili a lui attribuibili nel lungo periodo.

Generalmente, i fotografi di genere autoriale sono interessati e
approfondiscono materie e argomenti specifici. Spesso lavorano
su un singolo progetto per volta, che potrebbe richiedere molto tempo per la realizzazione. Gli autori lavorano per le gallerie, per i festival, producono libri e mostre e alcuni riescono a esporre il proprio lavoro in musei.
Ho notato che molti fotografi, anche inesperti, si autodefiniscono
autori: sappiate che, in realtà, è un percorso lungo che si basa principalmente sul valore che gli altri ci attribuiscono. Come non siamo
tutti fotografi, tanto meno possiamo essere tutti autori.

Il talento può aiutare e, purtroppo o per fortuna, non esistono
scuole per apprendere ‘talento’. Tra l’altro, il talento in sé non basta.
Indubbiamente, studio, curiosità, capacità di mantenere occhi e intelletto attenti, puntati sul mondo, sono essenziali.
Nel caso in cui il contenuto del lavoro fosse prevalentemente estetico,
dovrebbe creare immagini di forte impatto, dato che la lettura avviene, in questo caso, a un livello più ‘superficiale’. Il fruitore gode esclusivamente, o quasi, della forma e dell’armonia del lavoro.
Come procede un autore
❙ Crea narrazioni con personaggi e trame che possono essere sia
immaginarie che basate su fatti reali.
❙ Conduce ricerche in settori specifici approfondendoli concettualmente
e riportando nelle immagini l’essenza del suo pensiero
❙ Dovrebbe scegliere contenuti che possano colpire o interessare il
proprio target di riferimento.

Cosa dovrebbe fare un autore
❙ Collaborare con editori, galleristi e collezionisti per definire la
spendibilità di un progetto anche molto personale.
❙ Avere grande padronanza del linguaggio che sceglie e sfrutta
per esprimersi.
❙ Dovrebbe avere idee e storie nuove e interessanti.
❙ Dovrebbe comunicare chiaramente al fine di trasformare le proprie
idee in immagini.
❙ Dovrebbe essere in grado di trasmettere sentimenti ed emozioni.
❙ Dovrebbe essere in grado di comprendere nuovi concetti in
modo da trasmetterli agli altri attraverso le proprie fotografie.
❙ Dovrebbe porre molta attenzione ai dettagli e alla presentazione
finale dei progetti.

Questo testo è una piccola parte del mio libro “Il portfolio fotografico, istruzioni imperfette per l’uso” edito dalla casa editrice Emuse.

Per l’acquisto

Ciao a presto! Sara