👉Corso di paesaggio urbano in bianco e nero – Musa fotografia –

 Il paesaggio urbano in bianco e nero con ERMINIO ANNUNZI

Buongiorno! Vi presento un corso interessantissimo con uno dei massimi esponenti italiani di fotografia di paesaggio, Erminio Annunzi.Fotografare in bianco e nero, il paesaggio urbano, è una pratica estremamente affascinante e coinvolgente. Erminio vi accompagnerà per comprendere le modalità e le potenzialità della fotografia di paesaggio. Informazioni 

Spero di vedervi presto! CiaoSara 

Iscriviti al corso di Paesaggio urbano in bianco e nero !

Fotografia di Erminio Annunzi

A prescindere che tu segua i percorsi o meno, se ti iscrivi contemporaneamente a quattro corsi, ottieni uno sconto del 10%

Questo anno scolastico è ricco di novità! Da Musa puoi seguire due tipi di formazione:

I PERCORSI DI STUDIO composti da più corsi singoli e strutturati secondo una cronologia che permette di seguire un percorso di crescita omogeneo in un determinato settore della fotografia.

Percorso autoriale Impara, trova la tua strada, scatta ed esponi

Percorso linguaggio fotografico Impara a parlare fotograficamente

Master in fotogiornalismo per sapersi muovere nel mondo del reportage professionale

Storytellingper costruire una storia insieme capendo modalità e funzione del racconto

CORSI SINGOLI tutti i corsi singoli organizzati per la nuova stagione scolastica

CORSI ONLINE proposta dei corsi di fotografia via web

Ti aspetto!

Sara Munari 

Partecipa al Premio Musa per donne fotografe

Ciribiribì kodak! La storia di un mito.

Instamatic 100 Kodak

La Eastman Kodak Company, grande azienda americana meglio conosciuta come Kodak, ha basato la sua forza internazionale sulla produzione di pellicole fotografiche.

Negli ultimi anni con la comparsa della fotografia digitale si è specializzata sulla diagnostica medica per immagini e prodotti per la stampa.

Il marchio Kodak è connesso alla fotografia analogica per la produzione di macchine fotografiche e per la fabbricazione di prodotti professionali e amatoriali per lo sviluppo e la stampa delle fotografie. . Il nome “Kodak” scelto in quanto breve e forte, non ha alcun significato particolare…

Voi premete il pulsante, noi facciamo il resto”

Con questo slogan George Eastman, pubblicizzò la prima fotocamera per amatori, tentando di proporre una fotografia più facile e praticabile da tutti. La macchina fotografica Kodak, infatti, si acquistava con il rullino già caricato, e, completati gli scatti, i clienti rispedivano tutto all’azienda, che procedeva a sviluppare. Nel 1900 questa macchina prende il nome di Brownie, venduta a 1$, mentre ogni rullino costava 15 cent. La Brownie fu prodotta da Kodak fino alla fine degli anni ’60, e ne vendette milioni di modelli in tutto il mondo

Il 20 ° secolo è il momento di maggior impatto della storia della Kodak e i suoi profitti sono saliti alle stelle. Dal 1900 al 1930, tutti volevano  scattare foto (un po’ come ora!).

Chi può dimenticare la pellicola Kodachrome?  Nel 1935 questa pellicola era disponibile in diversi formati, tra cui 8 mm, 16 mm, e 35mm (nel 2010 cessa la produzione).

Qui potete fare un piccolo tour nell’azienda:

La società inoltre, è stata determinante nello sviluppo della stampa di alta qualità anche a colori, negli anni ’50 e ’60.

Nel 1976, la Kodak produsse la Kodamatic, una macchina fotografica istantanea, rivale della Polaroid.

Negli anni settanta la Kodak incomincia la produzione di pellicole auto-sviluppanti denominate Kodak Instant, a differenza delle Polaroid, erano rettangolari e l’immagine sulla superficie misurava 9 x 6,8 cm. Dopo aver perso una battaglia di brevetti con la Polaroid Corporation, Kodak lascia il mercato delle Instant Camera (9 gennaio 1986).

Kodak inoltre, un po’ come in una storia da film di Netflix, inventa la fotocamera digitale già nel 1973, ma decise di tenerla nascosta.

Steven Sasson,  ventiquattrenne americano appena assunto. Stava  lavorando sui CCD (charged coupled device).

Il sistema CCD consisteva in un sensore che catturava la luce in due dimensioni e la trasformava in un segnale elettrico. Il metodo però, non riusciva ad archiviare immagini, . Così  Sasson provò a registrare l’immagine attraverso un processo di digitalizzazione, trasformando impulsi elettrici in numeri e trasferendo l’immagine  su una memoria RAM.

Avrebbe potuto  essere l’inizio di una nuova era, sconvolgendo il mondo della fotografia tradizionale, ma questo, come sappiamo, avverrà i solo molti anni dopo. La prima macchina fotografica digitale targata Kodak fu messa in commercio solo nel 1991, con il nome Kodak DCS-100.

La Eastman Kodak Company a chiude le vendite di macchine fotografiche analogiche in Europa e America nel 2004, non essendo in grado di trovare uno spazio nella sfera del digitale.

Il 19 gennaio 2012, la Kodak dichiara fallimento.

Vi metto un video che spiega bene l’accaduto:

Nel febbraio 2012, la Kodak cessa definitivamente la produzione di apparecchi fotografici e nello stesso anno cessa anche la produzione dell’Ektachrome e quindi di tutte le pellicole invertibili (diapositive) a colori del catalogo Kodak.

Il 3 settembre 2013 la Kodak annuncia di essere uscita dalla procedura di fallimento focalizzandosi sulla stampa digitale e per l’impresa, la produzione e vendita di sistemi per l’incisione di lastre offset e flessografiche, la produzione e vendita di pellicole destinate alla grafica, all’intrattenimento e all’uso commerciale.

Nel mese di Gennaio 2017 Kodak ricomincia a produrre la Kodak Professional Ektachrome, pellicola invertibile a colori che ha visto la luce negli anni ’40.

George Eastman si suicida nel 1932, dopo che gli venne diagnosticata una malattia non recuperabile e lascia un messaggio: “Ai miei amici: il mio lavoro è compiuto. Perché aspettare?”. Grande fino alla fine. A presto, ciao! Sara

Sito ufficiale

Schema storico dell’azienda:

Storia di Kodak

Le immagini di Morel di Lorenzo Zoppolato

Fotografia di Lorenzo Zoppolato

Un piccolo gioiello editoriale che consiglio a tutti, da avere in libreria. Magnifiche fotografie contenute in un bellissimo libro, curato bene! Ciao Sara

Cover “Le immagini di Morel” Lorenzo Zoppolato

Le immagini di Morel

«Le immagini che sembrano uscire da un sogno di Zoppolato. Le sue fotografie sono liriche e fantastiche. Sono eminentemente letterarie.»

Ferdinando Scianna

Questo è un diario di viaggio lungo le strade della Patagonia, fino alla fine del mondo, laddove affondano profonde le radici del realismo magico: qui realtà e immaginazione hanno la stessa consistenza.

Fotografia di Lorenzo Zoppolato

Non è la somma dei chilometri a tracciare il percorso, bensì i luoghi e i soggetti incontrati, vivi in un tempo dilatato e sospeso, come catturati dagli specchi della macchina infernale inventata da Morel, raccontata nel libro di Adolfo Bioy Casares. Nel suo cammino Lorenzo Zoppolato fa esperienza di luoghi, persone e storie strappati al loro tempo. Passati lontani, soli e senza padroni che li possano adeguatamente ricordare. Futuri distopici dove tutto è ormai perduto, finanche la memoria da cui provengono. L’autore raccoglie gli infiniti pezzi di specchio rotto e li ricompone nelle pagine di questo libro lasciando al lettore il compito di individuare trame, storie e soggetti nascosti.

Realtà e immaginazione sembrano trovare vita propria nella struttura del libro nel quale una storia dalla trama lineare convive con un infinito specchio dove il tempo e lo scrittore si guardano riflessi.

Le immagini di Morel ha vinto il Premio Werther Colonna 2020 di SI Fest – Savignano Immagini Festival.

Fotografia di Lorenzo Zoppolato

Per l’acquisto del libro

L’autore

Lorenzo Zoppolato (Udine 1990) inizia a lavorare come assistente fotografo a Milano durante gli studi universitari. Dopo la laurea entra in una multinazionale del settore pubblicitario, ma capisce presto di voler raccontare altri tipi di storie. Fotografo professionista dal 2014, vince una borsa di studio alla NABA di Milano accedendo al master in “Photography and Visual Design” e negli anni seguenti ottiene i primi riconoscimenti. Nel 2015 viene premiato come International Black & White Photographer of the Year nella categoria “Emerging Talent”, nel 2017 si aggiudica la borsa di studio dell’Ernesto Bazan Scholarship Fund for Young Photographers, poi conquista il Gran Premio Portfolio Italia FIAF (2018), il premio per il miglior portfolio all’International Month of Photojournalism di Padova (2019) e lo Storytelling Award dell’Italian Street PhotoFestival (2020). Con Le immagini di Morel ha vinto il Premio Portfolio “Werther Colonna” alla scorsa edizione del SI FEST. 

Con emuse ha pubblicato nel 2020 il volume collettivo Suite n.5.

www.lorenzozoppolato.com

Fotografia di Lorenzo Zoppolato
Titolo: Le immagini di Morel
Autore: Lorenzo Zoppolato
Testi: Lorenzo Zoppolato, Ferdinando Scianna, Denis Curti.
Data di pubblicazione: settembre 2021
Prezzo: 28,00 euro
Pagine: 70
Dimensioni: formato chiuso cm 22×15 – formato aperto cm 66×15
Peso: 280 gr.
Rilegatura: cartonato cucito filo refe
Editore: emuse https://emusebooks.com/libri/morel/
Collana: Portfolio
Fotografia di Lorenzo Zoppolato

Per l’acquisto del libro

👉Ultimi giorni: PREMIO MUSA PER FOTOGRAFE – 3° edizione

Buongiorno!
Il premio Musa, è giunto alla sua terza edizione. Un grandissimo successo!
Quest’anno abbiamo aggiunto una nuova sezione ed i premi saranno molteplici per ogni categoria! 
Visita la pagina del Premio Musa 
Il Premio è dedicato alla produzione di portfolio fotografici ed è rivolto a tutte le fotografe (donne), senza nessuna distinzione tra amatrici e professioniste. Il lavoro che presenterete, verrà sottoposto a giudizio insindacabile della giuria composta da esperte. La giuria è composta da professioniste nel settore della fotografia. L’ambito del premio è rivolto alla fotografia italiana femminile (fotografe italiane che vivono in Italia) e possono partecipare fotografe che si esprimono in ogni settore fotografico, ogni genere, senza limitazioni relative al progetto scelto per essere presentato. 
Il premio ha tre sezioni e verrà premiata una partecipante per categoria:
1) Reportage, Street photography, Natura, Viaggio, Eventi.
2) Progetto personale, Fotografia concettuale, Ricerca, Still life.
3) Ritratto in studio, moda, ritratto ambientato.
LA DATA DI SCADENZA DI PRESENTAZIONE DELLE OPERE: ore 11:59 pm del 29 Settembre 2021 

Visita la pagina del Premio Musa   

 PARTECIPA AL PREMIO 
Veronica Benedetti – Il condominio – Vincitrice anno 2020
Olivia Rotondo – Le balene volano allegre – Vinvitrice anno 2020

Da Musa puoi seguire tre tipi di formazione:

– I PERCORSI DI STUDIO composti da più corsi singoli e strutturati secondo una cronologia che permette di seguire un percorso di crescita omogeneo in un determinato settore della fotografia.

Percorso autoriale Impara, trova la tua strada, scatta ed esponi

Percorso linguaggio fotografico Impara a parlare fotograficamente

Master in fotogiornalismo per sapersi muovere nel mondo del reportage professionale

Storytelling per costruire una storia insieme capendo modalità e funzione del racconto

Contamina la narrativa trasversale attraverso diverse contaminazioni

Percorso Full online Dalla singola foto al racconto fotografico percorso ONLINE – 

CORSI SINGOLI tutti i corsi singoli organizzati per la nuova stagione scolastica- 

CORSI ONLINE proposta dei corsi di fotografia via web

Ti aspetto!Sara Munari  Per informazioni sui corsi corsi@musafotografia.it

Compiti a casa, leggiamo le tue fotografie! Cosa aspetti a mandarle?

“Compito a Casa” a cura di Filippo Crea

AGLI AMICI DI <COMPITO A CASA>

Mi spiace, e non poco, dare il via a questo Compito a Casa n° 6 avendo azzerato le fotografie inviate da alcuni appassionati.

Devo tuttavia farlo sperando di non dovermi ripetere in avvenire con quanti riterranno di inviare le loro fotografie secondo modalità <autogestite> e non consentite dalle regole della rubrica. Non posso e non voglio, difatti, farmi carico delle difficoltà indotte dalla mancata adesione alle norme dettate. Mi sono pervenute fotografie di risoluzione improponibile, di dimensioni ingestibili, non inviate via mail, e spedite nei modi più liberi e più… <creativi>. Perdonino gli autori seguenti questa mia presa di posizione e … avanti a tutta birra! filippo c.   

Per partecipare alle letture dovreste inviare le vostre fotografie a pensierofotografico@libero.it con l’indicazione di nome e cognome dell’autore, e città di residenza, e il titolo del tema trattato, entro il  giorno 10 di ogni mese.

Ogni persona non potrà inviare più di 4 fotografie, NOMINATE CON NOME E TEMA (es. Filippocrea ombre) (in caso non si rispettasse questa regola, l’autore non verrà considerato).

TASSATIVO PER LA PARTECIPAZIONE: le fotografie dovranno rispettare questi parametri: formato JPG – profilo colore SRGB – risoluzione 72 – dimensione max 1920 pixel per il lato più lungo – peso max 2 MB. Le fotografie che non avranno queste caratteristiche o peseranno troppo, non verranno considerate. Le fotografie non devono essere inviate in formato pdf o in qualsiasi altro formato che ne blocchi la visualizzazione singola. Per aiutarvi:

Per ridimensionare: https://www.iloveimg.com/

Per comprimere il peso: https://compressjpeg.com/it/

Questa vuole essere un’opportunità per i fotografi che hanno voglia di condividere e capire le proprie immagini, non una vetrina per pochi eletti.

Ci scusiamo se non riusciremo a pubblicare tutte le immagini, nel caso ti dovesse succedere di non venire pubblicato, ritenta coi temi successivi

A settembre i Compiti a Casa assegnati (ora cinque) diventeranno sei. Il nuovo <esercizio> sarà “DALL’ALTO” – La ripresa dall’alto ha potenzialità speciali.

Qui di seguito, e senza alcun commento, pubblico cinque mie fotografie. Esse sono tutte di diversa matrice narrativa, e mi auguro possano stimolarvi a esplorare altre e nuove e migliori soluzioni. Tutto qui.

Foto 1) Accattivante l’intensa curiosità dei bambini stretti a grappolo in attesa del gioco dell’orologio. E soltanto una presa dall’alto avrebbe potuto regalarcela.

Foto 2) Dal terrazzo della Fondazione Maeght, suggestivo Spazio Museale in Costa Azzurra, ammiravo una statua dello scultore Giacometti. In basso, e giusto accanto, si è materializzata una figura femminile che sembra fare il verso alla scultura. Ed ho fatto clic.

Foto 3) Due giovanissime turiste siedono (s)comodamente felici su un tratto di scogliera per fare merenda. Una presa in asse non avrebbe consentito di realizzare questo raccontino.

Foto 4) Nel porto di Nizza queste strisce guidano le auto all’imbarco delle navi. E io ho ne ho profittato per comporre questa immagine di puntuale fattura geometricamente seriale.

Foto 5) Nizza, sono appena passate sulla battigia le pesanti macchine cingolate che hanno il compito di spianare la spiaggia per renderne agevole la fruizione dei bagnanti che fra poco vi sosteranno.

=== Ed ora tocca a voi portarvi in alto e guardare in basso. E però “che le vostre prese abbiano qualcosa da dire”. Ciao, fc

I temi per il prossimo mese:

l) LA MUSICA – per piacere, niente gruppuscoli musicali andini in centro città, niente bande musicali alla festa del Santo Patrono, niente violinisti con la ciotola per la raccolta delle monetine. OK per tutti?   

2) LA NOTTE – niente fotografie della Chiesa Matrice del Paese, o del Monumento ai Caduti nella piazza principale.

3) LE OMBRE – Sono un’opportunità creativa superiore. Cercatele con impegno programmato e con una inossidabile volontà di catturare prede di grande suggestione.

4) L’ATTESA – Considerate quante <attese> sono in attesa di un autore. Saranno almeno 9.999, e saranno tutte portatrici di narrazioni super.

5) L’UOMO ED IL MANIFESTO – andando in giro guardatevi intorno. Individuate un manifesto ruffiano, o mercantile, o politico, o di varia attualità, ed aspettate che davanti ad esso si materializzi una persona (o più) che dia vita ad un insieme che sia divertente, disturbante, armonico.

6)  “ALLO SPECCHIO” – Individuate superfici specchianti e fate in modo che diventino parte narrante delle vostre immagini.

7) “DALL’ALTO” – La ripresa dall’alto ha potenzialità speciali

Ecco le fotografie dei partecipanti:

Franco Beretta di  ???   L’ATTESA

Una prova decisamente da cestinare. L’attesa dove è? L’attesa di cosa? In questa immagine di attesa non c’è un tubo. Io qui ci vedo, minuscolo e lontano, solo un omarino maldefinito in un ambiente indefinito. Franco, non crede che sarebbe stato indispensabile scegliere un punto di presa ben più ravvicinato o ricorrere ad un’ottica tele? L’osservatore avrebbe quantomeno intuito cosa stava attendendo questo signore.

Alfonso Brenna di MateraL’UOMO E IL MANIFESTO

Caro Alfonso, mi saluti la sua super città che ho preso ad amare molti anni fa, e fortunatamente ben prima che fosse mortificata da certi poco potabili ammodernamenti.

La sua foto, figlia unica, in una scala di valori da 1 a 5 arriva a 2 – Non c’è difatti relazione significativa tra l’uomo (la coppia che passa) e il manifesto (che peraltro manifesto non è). Ed infine, con ben cinque temi a disposizione, la sua produzione è molto anemica.

Franco Beretta di   ??? – LE OMBRE

Caro Beretta, in questo <compito> si vuole che l’ombra o le ombre siano fortemente protagoniste, e qui la sola ombra presente, quella sul selciato, di protagonismo ha ben poco. E’ solo una presenza obbligata, ovvia, e del tutto priva di suggestione, o di qualsivoglia matrice grafica o narrativa. Ricerca specifica del tema, zero.

Franco Beretta di   ??? –  L’UOMO E IL MANIFESTO

Caro amico, questa sua è una fotografia di marca super, e rispettosissima delle finalità del compito. Le molte figure sul manifesto, forti di vitalità e di colore, fanno da bella quinta teatrale all’insieme scenico. Il passante in uscita dal fotogramma è mosso? Benissimo, perché assegna vita e credibilità all’insieme. E il mosso racconta anche qualcosa di OK. Lei aveva evidentemente prefigurato l’immagine ed aveva, mi piace sperare che sia così, atteso il passaggio di qualcuno che giocasse un bel contrasto narrativo con le giovanissime creature di carta. Se così è, bravo!

Riflessioni notturne

—————————————————

Per molti anni ho avuto il privilegio di essere ospite di fotoclub di tutta Italia, e ciò mi è servito da osservatorio privilegiato dello status della nostra fotografia foto/amatoriale. Ed oggi con certo rammarico concludo che essa, in fatto di creatività, di passi avanti, ne ha fatti ben pochi. Colpevole forse l’aumento delle disponibilità tecnologiche (fotocamere/robot del tipo <faso tutto mi>, l’evoluzione della postproduzione, l’avvento dei video/telefonini) ed infine un crescente disinteresse alla costruzione meditata dell’immagine. Oggi “siamo tutti fotografi”, ma tutti fotografi di serie B – Dall’orizzonte è scomparso l’impegno a cercare, e la curiosità umana e culturale. E ci si rifugia e ci si appaga sovente di risultati che vorrebbero proporsi come di avanguardia, ma che sono poco più che improbabili incursioni nel terreno della presunzione e del cattivo gusto, e ciò con la convinzione pediatrica di apparire come innovatori creativi.

Non c’è più l’impegno ad una ricerca premeditata e approfondita. La via Gluck della Fotografia è scomparsa come quella di Celentano, azzerando le valenze della curiosità. Ho davanti a me un raffinato volumetto, edito nel 1927 da <Hachette Editeur> di Parigi e titolato “Eloge de la curiosité” e firmato da un raffinato e grande scrittore, saggista, e poeta francese. Uno stimolo leggero e forte alla curiosità.

A seguire riporto quanto scrisse il Premio Nobel José Saramago, portoghese. Saramago non immaginava, quando scrisse il suo straordinario “Viaggio in Portogallo”, che lui, non fotografo, stava scrivendo una Verità Cosmica sulla fotografia. Una verità che io giro a voi, amici lettori, sperando che vogliate leggerla e rileggerla, e farla vostra. Io, in ogni foto/manifestazione da me organizzata ho sempre voluto un vistoso pannello da esporre in Sala all’attenzione dei visitatori. E molti, moltissimi, sono coloro che le parole di Saramago le hanno appieno metabolizzate. Eccole ore per voi. E fatene tesoro!

Quando il viaggiatore si è seduto sulla sabbia della spiaggia e ha detto “non c’è altro da vedere” sapeva che non era vero. La fine di un viaggio è solo l’inizio di un altro. Bisogna vedere quel che non si è già visto, vedere in primavera quel che si era visto in estate, vedere di giorno quel che si è visto di notte, con il sole dove prima pioveva, vedere le messi verdi, il frutto maturo, la pietra che ha cambiato posto, l’ombra che non c’era. Bisogna ritornare sui passi già dati, per ripeterli e per tracciarvi a fianco nuovi cammini. Bisogna ricominciare il viaggio. Sempre!” 

NOTE SFUSE –

*** ecco qui ancora una volta un richiamo alle coordinate richieste per il corretto invio delle fotografie:

FORMATO JPEG – PROFILO COLORE SRGB – RISOLUZINE 72 – DIMENSIONE MAX 1920 PIXEL PER IL LATO PIU’ LUNGO – PESO MAX 2 MB

*** Credo proprio che molti lettori non abbiano metabolizzato che a questa rubrica io ho affidato il compito di stimolare chi mi legge a dedicarsi con costante programmazione ad uno/due temi specifici, invece di sparare in aria con una doppietta caricata a pallini.  Mi viene in aiuto, per chiarire, il gergo romanesco “QUEL CHE COIO, COIO”, ovvero “QUEL CHE BECCO, BECCO” – Eh no, amici, sparare in aria senza prendere la mira, non vi farà maturare. Può avvenire comunque che il caso vi regali una bella fotografia che poi farete girare con ingiustificato orgoglio presso tutti i vostri amici e nemici. Ed infine vi consiglio di impegnarvi costantemente su due temi diversi: uno che sia già nelle vostre corde, e l’altro che vi sia indigesto. Non ho finito: nel vostro iter di foto/appassionati ogni volta che vi imbattete in competizioni con “tema libero” fuggite a gambe levate e avvertite i Carabinieri. Saluti! 

Giovanni Umicini, a un anno dalla scomparsa.

Fiorentino di nascita e padovano d’adozione. Esattamente un anno fa è scomparso il fotografo Giovanni Umicini.

Ritratto di Giovanni Umicini – Autore sconosciuto

Giovanni Umicini nasce a Firenze nel 1931 e comincia a fotografare nel 1945 a Siena, dove, nello studio del fotografo Grassi, apprende le prime nozioni di camera oscura. Continua a dedicarsi alla fotografia anche dopo il trasferimento a Viareggio nel 1950. È qui che, nel laboratorio del fotografo Bartolini, inizia a trattare le pellicole invertibili Ansco ed è, assieme a Paul Karg, tra i primi a stampare le diapositive direttamente su Ansochrome Printon.

Nel 1953 si trasferisce a Padova e, dopo qualche anno, inizia i contatti con i laboratori di ricerca della Eastman Kodak di Rochester e Harrow, assumendo poi, nel 1959, la dirigenza tecnica di un laboratorio Kodak per il color photofinishing.

Fotografia di Giovanni Umicini

Dal 1962 si dedica alla libera professione in qualità di fotografo pubblicitario e industriale, continuando a dedicarsi alla fotografia di strada, e il suo studio diventa un luogo di formazione per alcuni giovani che diventeranno affermati fotografi.

Fin dal 1945 si era avvicinato al mondo del cinema in qualità di best boy nel film diretto da Henry King “Il principe delle volpi”. Nel 1978 diventa membro della Society of Motion Picture and Television Engineers. La sua passione e attenzione per la cinematografia lo porta a svolgere, nel 1979, il ruolo di direttore di fotografia e cameraman nei film Anna e a mosca di Sirio Luginbuhl, Il piccolo Arthur di Maurizio Targhetta e I vagabondi di Carlo Mazzacurati. La collaborazione con il regista padovano è continuata negli anni e Umicini dal 1995 realizza le fotografie di scena per alcuni film quali La lingua del santo e Vesna va veloce. Inizia a dedicarsi in prima persona al cinema filmando, con una cinepresa 16 mm e pellicola in bianconero, prima Padova e poi New York.

Fotografia di Giovanni Umicini

A partire dagli anni ’80-‘90 amplia il campo della sua attività professionale estendendola alla fotomicrografia e alle tecniche di fotografia scientifica e medicale e comincia a tenere corsi di densitometria e sensitometria fotografica.  La continua attività di ricerca tecnica lo porta a scoprire un nuovo metodo per la ricostruzione fotografica di manoscritti e codici totalmente combusti. Ciò gli permette, su incarico del laboratorio del restauro del libro di Praglia, di restituire perfettamente quanto si nascondeva all’interno delle 365 pagine del “Manoscritto Musicale n. 29” del secolo XVI, della Biblioteca Capitolare di Treviso, totalmente bruciato nel 1944 durante un bombardamento.

Fotografia di Giovanni Umicini

A partire dagli anni ’90 comincia ad esporre le sue opere in varie mostre in Italia e all’estero: Fotografie, Street Photography, New York Panorama, Per Padova, Cervaiole. La montagna che vive, Carlo Mazzacurati nelle immagini di Lucia Baldini e Giovanni Umicini.

Dal 2010 tiene corsi di tecnica fotografica analogica, gratuiti e aperti a tutti, presso l’osteria L’anfora a Padova.

Negli ultimi anni pubblica due libri di fotografia: Anforigeni, contenente le fotografie degli avventori dell’Osteria L’Anfora, eseguite a partire dal 1992 e My New York, contenente 100 polacolor 8×10 realizzate a New York nel 1985.

Buona giornata, ciao

Sara

Biografia presa da zeropixelfestival

👉 Open day Musa fotografia! Mostra della vincitrice del Premio Musa

Open day – Musa Fotografia
Veronica Benedetti da Musa fotografia per l’apertura
 Buongiorno, come state? Ripartiamo, finalmente, per un nuovo anno ricco di corsi, eventi e divertimento! Parleremo di tutte le nuove proposte, gli eventi, ma sopra ogni cosa, vi presenteremo Veronica Benedetti, vincitrice del Premio Musa edizione 2020. Vi aspettiamo in data 16 Settembre 2021 ore 18,30 per un aperitivo in compagnia
Via Mentana, 6 Monza  
 
Verranno a trovarci nuovi docenti e i migliori professionisti del settore, dai un’occhiata ai CORSI e guarda le novità!

Da Musa puoi seguire tre tipi di formazione:

– I PERCORSI DI STUDIO composti da più corsi singoli e strutturati secondo una cronologia che permette di seguire un percorso di crescita omogeneo in un determinato settore della fotografia.
Percorso autoriale Impara, trova la tua strada, scatta ed esponi
Percorso linguaggio fotografico Impara a parlare fotograficamente
Master in fotogiornalismo per sapersi muovere nel mondo del reportage professionale
Storytelling per costruire una storia insieme capendo modalità e funzione del racconto
Contamina la narrativa trasversale attraverso diverse contaminazioni
Percorso Full online Dalla singola foto al racconto fotografico percorso ONLINE

– CORSI SINGOLI tutti i corsi singoli organizzati per la nuova stagione scolastica
– CORSI ONLINE proposta dei corsi di fotografia via web
Ti aspetto!
Sara Munari
Per informazioni sui corsi corsi@musafotografia.it

Partecipa al Premio Musa per donne fotografe