“Se la devi spiegare non è venuta bene” Che stupidaggine! Le foto vanno spiegate.(Seconda parte)

Eccomi per la seconda parte…

Le foto che vi avevo mostrato nell’articolo precedente su questo argomento, le ho scattate a Tirana, in Albania, siamo in un campo rom, dietro la stazione centrale. L’interno è una delle case di una famiglia rom. Poche cose. La ragazzina si sta specchiando all’esterno della sua capanna di legno e latta,  per pettinarsi. Non conosco il suo nome. Sono scarti di un progetto che puoi vedere qui, del 2009. Nello scorso articolo, vi avevo chiesto di dirmi cosa vedevate nella foto, qualcuno ha risposto.

Nessuna tragedia, nessun cataclisma, come qualcuno aveva ipotizzato, altri sono stati più vaghi, non spiegando il contenuto, ma le sensazioni che il contenuto trasmetteva. Poche parole, ma a meno che qualcuno conoscesse il mio lavoro, dubito che avrebbe capito collocazione geografica, situazione e contesto, non trovate?

Un esperimento simile è stato condotto dallo studioso John R. Whiting, nel suo libro Photography is a language, in cui la didascalia viene considerata uno  strumento imprescindibile per comprendere una fotografia e propone questo esperimento: seleziona un Reportage da Life , toglie le foto e unisce le didascalie:  il risultato è un racconto coerente e comprensibile. Se fa l’opposto (toglie le dida e tiene le foto) ciò che ne esce è ambiguo e poco coerente.

In sostanza, la didascalia aiuta lo sguardo guidandolo sui punti di interesse.

Perfino Eugene Smith  lasciò “Life” anche per i litigi relativi alle scelte dei testi che accompagnavano le sue immagini dato che spesso ne veniva travisato il senso, e autorizzò la pubblicazione del suo lavoro su  Pittsburgh solo a condizione che venissero mantenute le didascalie scritte direttamente da lui.

smithsteel

W. Eugene Smith, Steelworker with Goggles, Pittsburgh, 1955, ©The Heirs of W. Eugene Smith

Anche se la funzione del “chiarire” propria delle dida è fortemente rilevante nella fotografia documentaria, nessun genere fotografico può prescindere da una spiegazione e questo non dipende dall’impatto visivo dell’immagine che, per quanto forte, non sarebbe sufficiente a chiarire tutto ciò che il fotografo avrebbe voluto.

Non cambia se si tratta di foto singola o di portfolio, qualsiasi fotografia non può prescindere da una spiegazione o un’introduzione.

Tra l’altro, in qualche caso, si abusa dell’introduzione. In alcuni lavori che vedo mi capita di leggere per esempio:

Questo è un lavoro intimo, personale, sul distacco dalla mia famiglia, bla, bla bla…

Nelle fotografie vedo un forno elettrico, due ciabatte, un piatto vuoto su un tavolo. Beh ragazzi questo è anche un lavoro sulla fame nel mondo, sulla morte del nonno, sull’anoressia.

Attenzione a pretendere che chi guarda, dia la vostra interpretazione delle cose, la spiegazione, la sinossi, la didascalia, no sostituiscono il contenuto delle vostre foto, lo accompagnano.

Nancy Newhall in “The Caption” analizza quattro generi di didascalia:

“Didascalia enigmatica” intende una parte di frase estrapolata da un testo e posta sotto a una fotografia

“Didascalia come saggio in miniatura”  fornisce in modo ampio tutte le informazioni necessarie alla corretta lettura dell’immagine.

“Didascalia narrativa” la più comune: “dirige l’attenzione alla fotografia, di solito inizia con una frase d’effetto in grassetto, poi narra cosa avviene nella fotografia e si conclude con un commento. In una foto-storia funge da ponte tra il testo e la fotografia” (preso dal suo testo).

“Didascalia aggiuntiva” è la forma più innovativa “aggiunge una nuova dimensione”in quanto “combina le proprie connotazioni con quelle della fotografia per produrre una nuova immagine nella mente dello spettatore […] che non esiste né nelle parole né nella fotografia, ma solo nella loro giustapposizione” (preso dal suo testo).

Attenzione all’abuso di didascalie sceme, tipo:

La solitudine

L’amore

La paura

Questi sono titoli e sono anche brutti titoli, non spiegano niente e non aggiungono niente all’immagine…piuttosto cercate di scrivere un’introduzione del vostro lavoro all’inizio della mostra, magari  accompagnato da una vostra biografia, ma per favore, fatelo lontano dalle foto!! 🙂

Concludo con la definizione di didascalia.

La parola didascalia deriva dall’omonimo termine greco διδασκαλία (istruzione), derivato a sua volta da διδάσκω (insegnare).

Ciao

Sara

Qui il link all’articolo precedente.

 

Annunci

10 pensieri su ““Se la devi spiegare non è venuta bene” Che stupidaggine! Le foto vanno spiegate.(Seconda parte)

  1. Come non essere d’accordo con quanto hai scritto, specialmente quando parli dei titoli scemi. Nelle mostre allestiste da fotoamatori di paese mi capita di vedere delle foto discretamente buone con dei titoli che chiamare ridicoli é dir poco. Squalificano quel poco di buono che le immagini hanno. Oltretutto questi fotoamatori quando ci parli assieme sono pieni di se e si compiacciono di non aver letto libri di fotografia e di non conoscere i grandi maestri. Mi fanno una rabbia che a volte non riesco a trattenere.😣 Sono situazioni che probabilmente nel mondo dei professionisti non ci sono e che tu sicuramente non hai. Noto una grande mancanza di cultura fotografica nella maggior parte dei fotoamatori che conosco e che incontro e questo mi deprime.
    Vabbè dai, queste sono cose che non ti toccano più di tanto, il mio é solo uno sfogo.
    Ciao e grazie

    Mi piace

  2. Ecco perché “Di treni, di sassi e di vento”…
    Avevo già visto queste tue immagini, ma ora ne capisco qualcosa in più!
    Sei stata molto esauriente e utile in merito all’importanza della didascalia di un’immagine/i.
    E’ un lavoro che acquisisce un altro significato/valore…almeno per me!
    Grazie Sara mi hai dato una bella lezione! 🙂

    Liked by 1 persona

  3. Ho appena trascritto (copiato) un articolo di un vecchio PHOTO (il N°4 del giugno 1975), non so quanto vero o quanto inventato, in cui Henry Cartier-Bresson parla di alcune sue foto, quelle da lui preferite tra le meno conosciute, volutamente non didascalizzate.
    Le didascalie le chiama “inutili sviolinature”.
    E’ vero che specifica anche che alcune immagini devono ricorrere allo scritto per obblighi di riferimento, di situazioni, o per evitare una errata interpretazione.
    Quelle da lui scelte sono, invece, chiarissime (anche secondo me) per cui ogni didascalia sarebbe una “inutile sviolinatura”. E specifica che sono il frutto di una scelta visiva che rende superfluo ogni ricorso alla parola.
    In effetti, in riferimento alle foto dell’articolo, credo proprio che ogni didascalia sarebbe superflua e non aggiungerebbe niente a quello che si vede, se non dettagli ininfluenti, a meno che non si avesse la necessità di raggiungere un pubblico privo di ogni interesse per le arti visive.
    Personalmente sono convinto che se si possedessero le capacità e se si avesse la volontà di affrontare la stessa “scelta visiva” di HCB, la lettura delle immagini non avrebbe bisogno di suggerimenti.
    Prendendo come esempio, tra quelle foto, l’immagine che rappresenta in primo piano delle macerie e sullo sfondo una città, ho da farmi solo alcune inutili domande: che posto è? potrebbe essere New York, ma non è importante; che periodo è? penso gli anni ’50 forse ’60, ma non ha importanza; Che periodo dell’anno è? credo inverno (mi sembra di vedere del ghiaccio) ma potrebbe essere estate e non cambierebbe niente; che è successo? non lo so, un incendio, un terremoto, una esplosione… l’importante è che qui ci sono macerie e sullo sfondo i grattacieli.
    In questo caso sarebbero “inutili sviolinature”, ma sono anche convinto che spesso, una buona didascalia, possa dare ancora più forza ad una buona foto.
    Ciao.

    Liked by 1 persona

  4. Ho sempre avuto l’errata e smisurata “presunzione” di trasmettere qualcosa con una immagine senza didascalia ma mi sono accorto che dovrò lavorarci ancora per molto molto. Mi sorge il dubbio di ” non fare a farcela”.
    Riuscire a trasmettere una data cosa solamente con l’immagine sarebbe il massimo.
    Casualmente ho sentito dire da Oliviero Toscani che una fotografia “dice” molto di più rispetto ad un video perché lascia maggior spazio alla interpretazione, ero convinto che il video parlasse di più ma mi sono ricreduto ed ho fatto il paragone tra leggere un libro o vedere un film tratto dallo stesso libro. Certo è che prima di arrivare a mostrare una propria fotografia che comunichi ne deve, almeno per me, passare di acqua sotto i ponti.
    Ciao
    Franco

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...