Una sola volta

Ciò che la fotografia riproduce all’infinito ha avuto luogo una sola volta: essa ripete meccanicamente ciò che non potrà mai più ripetersi esistenzialmente.
(Roland Barthes)

Per questo muoio un po’ ad ogni mio scatto. Milano, una mia alunna 2013.image

9 pensieri su “Una sola volta

  1. I ricordi rimangono privati e pian piano svaniranno perchè mancherà il legame con essi, le sensazioni invece quelle sopravivveranno perchè ognuno ne è in contatto.

  2. È bello pensare che lasciamo al nostro piccolo o grande mondo il nostro sguardo, una scheggia piccolissima di realtà che un giorno i nostri occhi hanno visto e qualcos’altro ha catturato. Un pezzetto della nostra anima, della nostra sensibilità, una “scatolina” di emozione che, se pure a qualcun altro dirà poco o nulla, rappresenterà pur sempre un po’ di noi.

Rispondi