Photolux 2016: mostre e workshop, tutti a Lucca!

Dal 19 novembre all’11 dicembre 2016 torna Photolux  a Lucca con le mostre dei vincitori 2016 di 3 fra i più importanti premi internazionali dedicati alla fotografia: World Press Photo, Leica Oskar Barnack Award e Manuel Rivera-Ortiz Foundation Photography Grant e interessantissimi workshop tenuti da fotografi di spicco. Di seguito un assaggio del ricchissimo programma.

Non perdetevelo!

Anna

coten-1024x683

Il Leica Oskar Barnack Award 2016 è stato assegnato alla fotografa francese Scarlett Coten per il progetto Mectoub. Un lavoro che è iniziato seguendo gli eventi della Primavera Araba e osservando i cambiamenti che in questi ultimi anni stanno interessando le dinamiche sociali in Nord Africa e in Medio Oriente. Con “Mectoub” – un gioco di parole che combina il vocabolo arabo “maktub” (مكتوب), che si riferisce al fatidico “è scritto”, e il francese “mec”, termine colloquiale per “ragazzo” – Coten mette in discussione l’immagine tradizionale dell’uomo nel mondo arabo. I suoi ritratti evidenziano la discrepanza tra la necessità di conformità sociale e il desiderio individuale: guardando gli uomini attraverso la fotocamera e la propria prospettiva femminile, Coten realizza ritratti diretti e incisivi.

La vincitrice del premio per i fotografi emergenti è invece Clémentine Schneidermann, con la sua serie The Unbearable, the Sadness and the Rest. In questo lavoro, che combina in maniera molto originale fotografia documentaria, ritratto e fashion, la giovane fotografa parigina, che da un anno si è trasferita in Galles, ha concentrato la propria ricerca su questo territorio e sulle contraddizioni che lo caratterizzano. Da un lato un paesaggio incantevole, dall’altro le grandi problematiche sociali ed economiche nate a seguito della chiusura delle ultime miniere di carbone.

ismail-ferdous_01

Il Manuel Rivera-Ortiz Foundation Photography Grant 2016 è stato assegnato al fotografo albanese Enri Canaj e al fotografo bengalese Ismail Ferdous.

Enri Canaj’s ha proposto il progetto The Wind Cries War nel quale si è occupato dei rifugiati che si sono stabiliti in Grecia e Germania e del loro percorso di integrazione.
Ismail Ferdous ha documentato le conseguenze del crollo del Rana Plaza – un edificio di otto piani che ospitava diverse fabbriche tessili – nell’area metropolitana di Dacca in Bangladesh nel 2013.

vivian-2

a cura di Enrico Stefanelli
in collaborazione con la Association Vivian Maier et le Champsaur

Partendo dai materiali scoperti da John Maloof, la mostra apre a una nuova lettura dell’opera di Vivian Maier e permette di indagare la parte meno conosciuta della sua biografia, legata alla terra natale materna. In mostra 15 vintage americani e 48 fotografie del fondo francese.
Vivian Maier fotografava tutto ciò che le si presentava davanti, nelle grandi metropoli americane così come a Champsaur, una piccola valle delle Alte Alpi francesi. Il suo sguardo si soffermava sugli altri, sulle persone e le strade soprattutto, più raramente sui paesaggi.

Vivian Maier (1926-2009) nasce a New York da padre americano e madre francese. Nel 1932-1933 si trasferisce con la madre a Champsaur in Francia. Nel 1938 rientra negli Stati Uniti e torna in Francia soltanto nel 1950-1951 per mettere all’asta una proprietà di famiglia che le era stata lasciata in eredità. Nel corso di questo soggiorno scatta le sue prime fotografie “francesi”: percorrendo la regione in bicicletta cattura l’anima delle persone che la abitano, i contadini, i bambini, gli anziani con la stessa ossessione per la documentazione e l’accumulo che caratterizza la sua successiva produzione americana e rappresenta una delle chiavi principali della sua poetica. Tornata a New York, con i soldi ricavati dalla vendita compra una Rolleifleix con la quale viaggiò negli Stati Uniti prima di stabilirsi a Chicago. Qui viene assunta come bambinaia dalla famiglia Ginsburg e dà libero sfogo alla sua passione per la fotografia, sviluppando i negativi e film nel bagno privato che ha a disposizione. Tra il 1959 e il 1960 compie un lungo viaggio intorno al mondo e come ultima tappa sceglie Champsaur dove continua la documentazione della regione e dei suoi abitanti spostandosi in bicicletta e scattando moltissime fotografie. Negli anni successivi continua a lavorare come bambinaia e a scattare moltissimo, anche a colori, andando a costituire l’enorme archivio scoperto da John Maloof nel 2007.

121411-md

Nella 59esima edizione del World Press Photo, uno dei più importanti riconoscimenti internazionali nell’ambito del fotogiornalismo, sono state sottoposte alla giuria internazionale 82.851 fotografie pubblicate nel 2015 da ben 5.775 fotografi di 128 diversi paesi. Sono stati premiati 41 fotografi di 21 nazionalità: Australia, Austria, Brasile, Canada, Cina, Francia, Germania, Iran, Italia, Giappone, Messico, Portogallo, Russia, Slovenia, Sud Africa, Spagna, Svezia, Svizzera, Siria, Turchia e Stati Uniti.

Quest’anno la giuria ha scelto come “Foto dell’anno 2015” un’immagine del fotografo australiano Warren Richardson che ha lavorato al confine tra Serbia e Ungheria, raccontando la crisi dei rifugiati. La fotografia premiata, scattata nella notte del 28 Agosto del 2015, ritrae un uomo che aiuta a passare un bambino attraverso il filo spinato sul confine serbo-ungherese a Röszke. L’immagine ha vinto anche il primo premio per la categoria spot news.
Richardson è un fotografo freelance che vive e lavora a Budapest, Ungheria.

Francis Kohn, presidente della giuria e direttore dell’agenzia France-Presse, ha dichiarato: “Fin dall’inizio abbiamo capito che questa foto era importante. Abbiamo pensato che avesse un tale potere per la sua semplicità, in particolare per il simbolo del filo spinato. Aveva la forza per trasmettere visivamente ciò che sta accadendo con i rifugiati. Ritengo che sia una foto molto classica, senza tempo. Ritrae una situazione, ma il modo in cui è stata fatta è classico nel senso più ampio della parola”.

Tra i 41 fotografi premiati nelle otto categorie del concorso (spot news, notizie generali, attualità, vita quotidiana, ritratti, natura, sport e progetti a lungo termine) due gli italiani: Francesco Zizola (categoria: attualità, secondo premio) e Dario Mitidieri (categoria: ritratti, terzo premio).

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Fotografia di Sara Munari
Oltre alle mostre, segnaliamo i workshop che si terranno in concomitanza con l’evento:

Paolo Marchetti | Fotografia documentaria | 19 e 20 novembre 2016
Se la fotografia è incontro e pensiero, bisogna prendersi la responsabilità di fare cultura, perché senza questa consapevole scelta, credo che lì fuori, non ci sia davvero niente da guardare.
Il workshop è destinato a tutti coloro che desiderano apprendere il processo intellettivo e pratico, necessario alla narrazione per immagini.
Mediante specifiche analisi, cominceremo a comprendere a fondo i passaggi necessari alla costruzione di una storia composta da fotografie e di come sia fondamentale accettare l’importanza del pensiero ancora prima di realizzare fotografia.
Affronteremo le fasi cruciali al fine di individuare la nostra voce narrativa e come questa possa innescare una reazione negli altri.

Lorenzo Colloreta | Un flusso di lavoro efficiente e professionale per l’immagine digitale con Adobe Lightroom | 26 e 27 novembre 2016
Il workshop ha come obiettivo quello di insegnare ai partecipanti come impostare un flusso di lavoro adatto per trarre il massimo dalla tecnologia fotografica attuale, sfruttando le potenzialità dei file RAW nel modo più rapido e creativo.

Dario Mitidieri | Fotografia e Reportage | 3 e 4 dicembre 2016
Come si affronta un assignment? Come si costruisce una storia? Obiettivo del workshop è insegnare come si sviluppa un progetto fotografico a partire da un commissionato, e di come sia poi fondamentale lavorare sull’editing per cercare la migliore struttura narrativa possibile.

Sara Munari | Sentire la Fotografia: Personal Photography | 10 e 11 dicembre 2016
Il reportage è una descrizione visiva della realtà attraverso la quale il fotografo deve essere in grado di raccontare uno spazio o un fatto. Il fotografo deve concepire, sintetizzare, imprigionare momenti, per esprimere e soprattutto descrivere agli altri quello che è davanti ai suoi occhi. Ci sposteremo tra realtà e simulazione, cercheremo di muoverci sul confine del genere reportage imparando a muoverci nella direzione dell’immaginario. Partendo dalla realtà, racconteremo una storia legata ad atmosfere e percezioni legate al sentire del fotografo. Un racconto personale che parte dal concreto e si sposta sul fantastico,  basato sulle sensazioni.
Come si racconta attraverso i sensi? I partecipanti saranno accompagnati al fine di portare questo concetto nella propria fotografia.
Grandi maestri di questo genere sono Daido Moriyama, Michael Ackerman, Trent Parke, Jacob Aue Sobol.
Il workshop prevede una sessione di ripresa nel primo pomeriggio del sabato e una sessione di letture portfolio dei partecipanti nel pomeriggio di domenica.

Qua
trovate tutte le informazioni relative alle iniziative di Photolux 2016

Censura….ma dai!

Questa è forse una delle fotografie più controverse di sempre.
Lui, Andres Serrano è famoso in tutto il mondo per questa opera che risale al 1987: s’intitola Piss Christ, letteralmente “Il Cristo di piscio”. Serrano ha immerso la fotografia nella pipì. Ancora mi chiedo quanta se ne debba fare per immergerci una foto di queste dimensioni!

Il copyright dell’immagine che segue è di Andres Serrano

Piss_Christ_by_Serrano_Andres_1987

L’opera aveva già dato problemi uno o due anni fa, non ricordo, quando venne esposta ad Ajaccio, qui vicino vicino, tutti incazzati.

Tenete presente che mi è sempre sembrato abbastanza da circo mescolare l’espressione artistica con volgarità, religione, sesso scemo (lo chiamo così perché dal vero non assomiglia a quello che vedo nelle foto),

MA,

a prescindere da questo (che ritengo privo di senso anche se mobilita le masse in tutti i sensi, a favore e contro), possibile che ancora si parli di Serrano con sta foto?

Ma si può censurare un’immagine che in questi giorni avrebbe dovuto essere esposta a Lucca, al Photolux, scattata nel 1987 (continuo a colorarlo apposta)?

L’immagine circola tranquillamente in internet da sempre, in tutte le salse, come tutta la fotografia del mondo.

Enrico Stefanelli, direttore del festival ha deciso di non esporla e ha spiegato bene qui i motivi.

A parte che fossi stata in lui mi sarei incazzata come una iena e avrei cominciato a starnazzare come una papera, pisciando nuda davanti alla foto. Ma lui è un signore, non lo farebbe mai. Rispetto moltissimo la sua scelta.

Ci sono altre opere su Cristo che hanno destato scalpore, anche se meno:

MUSEI: RANA IN CROCE RESTA ESPOSTA AL MUSEION DI BOLZANO
 La rana in croce, la contestata opera dell’artista tedesco Martin Kippenberger
maxiart-Paul-FryerPaul Fryer Cristo sulla sedia elettrica.

maurizio-cattelan-meteorite

La Nona Ora (1999) di Maurizio Cattelan

Potrei andare avanti ore…

Qui il punto, non è la foto, è la censura.

Ma siete seri?

Ho visto la mostra al festival, la foto mancava. In quella foto non c’è niente. In quella foto non c’è niente, se non la voglia dell’autore di trovare una modalità che portasse al “parlare di lui” a lungo, quasi 30 lunghi anni. Il Festival è comunque ricco e pieno di bellissime mostre. Ve lo consiglio.

Ma possibile che siamo in ritardo anche con la censura???

Un’istituzione pubblica non può e non deve censurare. Una volta accettata la prima esposizione della fotografia, quell’immagine è del mondo.

Ostia! (per restare in tema)

Ciao Sara

Photolux: un festival da non perdere!

Ritorna quest’anno Photolux, la Biennale Internazionale di Fotografia

115646-md

L’edizione 2015 di Photolux è dedicata all’eterno dualismo che regola il mondo, quel contrasto tra sacro e profano, bene e male, verità e menzogna, bellezza e miseria che è insito nell’animo stesso dell’uomo.

Raccontarlo attraverso la fotografia permette, da un lato, di compiere un viaggio intorno al mondo, che è anche un viaggio interiore, alla scoperta dei luoghi dello spirito e degli uomini che li animano sperimentando una tensione verso il divino di volta in volta diversa e sempre affascinante.
Dall’altro, di rileggere l’iconografia sacra in chiave dissacrante o provocatoria, di avventurarsi in territori ritenuti generalmente non rappresentabili, confrontandosi con le pulsioni e i sentimenti più terreni dell’animo umano e le sue aberrazioni.
Senza tralasciare tutto quanto si trova nel mezzo, nelle sottili sfumature che sempre colorano contrasti che non possono essere netti.

Il mezzo fotografico, dunque, come linguaggio privilegiato per svelare questa dualità e indagarne le diverse declinazioni e interpretazioni possibili.

Il programma del festival è ricco d’iniziative:

MOSTRE

JOEL-PETER WITKIN
ERNST HAAS – LA CREAZIONE
BETTINA RHEIMS – I.N.R.I.
KENRU IZU – SACREDNESS
AURELIO AMENDOLA – SAN PIETRO
IVO SAGLIETTI – SOTTO LA TENDA DI ABRAMO
PATRICK VILLOCQ – I AM A WALÉ RESPECT ME
CHARLES FREGER – WILDER MANN
JORDI PIZARRO – THE BELIEVERS
JAMES ESTRIN – OBSERVANCE
MICHELE BORZONI – INSHALLAH
FRANCE KEYSER – NOUS SOMMES FRANÇAIS ET MUSULMANS
ENRICO RONDONI – NEL REGNO DELLA LUCE
NICOLO’ DE GIORGIS – HIDDEN ISLAM
TONI MENEGUZZO – DIVINE BOVINE
JOANA CHOUMALI – RESILIENTS
ANNA MARIA GERMONTANI – MOMENTI NELLA COMUNITÀ EBRAICA DI MILANO NELLA PRIMA METÀ DEGLI ANNI ’90
CRIMINI CONTRO L’UMANITÀ
WORLD PRESS PHOTO 2015

Inoltre il programma propone workshop e letture portfolio con lettori di fama internazionale e molte altre iniziative.

Date un’occhiata al sito per rimanere aggiornati.

In occasione del PHOTOLUX FESTIVAL 2015, l’Associazione culturale WELOVEPH, in collaborazione con PHOTOLUX, organizzerà il Circuito OFF 2015

Il centro storico di Lucca sarà il palcoscenico d’eccezione per le opere selezionate che dal 21 novembre al 13 dicembre trasformeranno la città in un bellissimo salone aperto a tutti, dove si potrà ammirare Fotografia in ogni angolo. Sarà per gli autori un’occasione unica di poter esporre le proprie opere in contesti inusuali (negozi, ristoranti, alberghi, presso studi di professionisti, laboratori artigiani, gallerie …) nell’ambito di una manifestazione di respiro internazionale che attira migliaia di visitatori.

Qui tutte le informazioni sul circuito OFF

Anna

Cinque occasioni tutte italiane per farvi conoscere come fotografi. Premi fotografici.

Occasioni per concorrere ad aggiudicarsi uno di questi importanti premi.

homepage

Il premio Umbria Photo Fest, giunto alla terza edizione, prevede la partecipazione di fotografi professionisti e non; la sottoscrizione al concorso è gratuita e avviene tramite l’iscrizione alle letture portfolio. È aperta a tutti, senza limite di età e nazionalità. Verrà premiato il miglior portfolio selezionato durante le letture. Il premio consiste di 500 euro e la possibilità di esporre il proprio progetto nella edizione di Umbria World Fest 2016

_______________________________________________________________

3ª edizione del concorso fotografico EXTRAURBANA FOTOGRAFIA

cropped-sito

C’è tempo fino al 27 settembre 2015 per inviare le vostre foto. Tutte le strade portano a Roma. Fotografare le vie consolari nel loro uscire da Roma, metafora del paesaggio da provincia dell’impero romano a città metropolitana. La via consolare, entrando – uscendo, ruotando e  spostandosi nell’orbita del raccordo anulare definisce nel suo percorso l’immagine della trasformazione della condizione umana, del paesaggio urbano ed extraurbano, degli spazi di relazione, degli edifici e degli spazi aperti.

___________________________________________________________

logo

Oltre le mura di Roma è un progetto volto a coinvolgere i cittadini romani nel racconto fotografico delle loro periferie. Il percorso ha avuto inizio a gennaio 2015 con il lavoro di alcuni tra i migliori fotogiornalisti italiani che hanno realizzato cinque reportage fotografici dedicati alle storie di successo e di disagio delle aree periferiche della città.

Oggi i cittadini vengono chiamati a dare il loro contributo per mettere a fuoco le periferie, attraverso i loro occhi e le loro lenti, raccontando così una Roma diversa. Una giuria di alto profilo selezionerà le migliori storie per esporle in un museo prestigioso del centro di Roma. Perché la conoscenza condivisa è il primo passo verso il cambiamento.

Link al bando

_____________________________________________________________

Photolux insieme a La Stampa organizzano un nuovo sensazionale concorso per rendervi protagonisti!
L’argomento su cui dovrete cimentarvi sarà l’IMMIGRAZIONE, un’opportunità per guardare con occhi diversi un tema spesso oggetto di semplificazioni e di luoghi comuni. Un fenomeno che ci riguarda da vicino, ma che al momento di rappresentarlo può diventare sfuggente, quasi inafferrabile…

image

Link alla proposta

_________________________________________________________

Concorso Photoebook fatti guardare!

emuse03

La casa editrice emuse indice la seconda edizione del concorso di idee per la realizzazione di un ebook fotografico. La finalità del concorso è quella di individuare un progetto fotografico adatto alla realizzazione di un nuovo volume della collana Portfolio.

Il concorso è aperto ai progetti inediti di fotografi, già realizzati, strutturati ma non impaginati, accompagnati da testi, come indicato nel regolamento.
Verranno presi in considerazione solo progetti completi in ogni loro parte, salvo editing a cura della casa editrice.

Link al premio

Angelo