La camera obscura

Con il termine latino camera obscura, si intende un ambiente completamente oscurato, di varie dimensioni (da una scatola a una stanza), su una parete del quale sia stato creato un piccolo foro, attraverso il quale, in raggi luminosi provenienti da soggetti esterni illuminati, si proiettano sulla parete opposta della camera, creando l’immagine del soggetto rovesciata e con i lati invertiti. Di questo fenomeno ci sono scritti che testimoniano la sua scoperta già nel V secolo a.C. in Cina. Aristotele, (IV secolo a.C.) descrisse la possibilità di proiettare un’immagine in un luogo buio utilizzando un piccolo foro.

Camera_O

Lo scienziato Al-Hasan ibn al-Haitham (XI secol ) nel suo trattato di ottica è il primo a descrivere e analizzare correttamente il processo che si verifica nella camera obscura, inoltre utilizzò la camera obscura per osservare un’eclissi  solare. Il monaco e scienziato Ruggero Bacone (XIII secolo) descrisse il fenomeno che si verifica nella camera obscura e ne tracciò uno schema esatto. Fino a questo momento la camera obscura venne utilizzata solo per l’osservazione dei fenomeni naturali. Dal XV secolo si cominciò ad utilizzare la camera obscura per le rappresentazioni pittoriche, copiando su un foglio di carta le immagini proiettate dal foro. Successivamente, per rendere le immagini più nitide, si comincò ad utilizzare una lente applicata al foro ( descritto dal fisico Giovanni Battista Della Porta ). La camera obscura è lo strumento che molti pittori usavano come ausilio per realizzare le loro opere, disegnando dal vero paesaggi e architetture, l’mmagine veniva realizzata su un foglio di carta velina o oleata per poi essere riportata e finalizzata sulle tele.

Camera_O_b

Fino al XVI secolo la camera obscura era una vera e propria stanza, dal secolo successivo si cominciarono a diffondere le prime camere obscure portatili. Successivamente, nel  1685, il monaco Johann Zahan apportò una fondamentale modifica, inserendo  all’interno delle camere portatili, uno specchio a 45° opposto alla lente, che capovolgeva e proiettava l’immagine (rimanendo comunque con i lati invertiti), su un vetro smerigliato, migliorando sesibilmente la copia dal vero.

Camera_O_cox

É lo stesso procedimento sul quale si basa anche il funzionamento delle nostre fotocamere reflex, nel  caso specifico la luce attraversa l’obiettivo, colpisce lo specchio (che capovolge l’immagine), viene  proiettata sul pentaprisma (che inverte i lati), garantendo la visione attraverso il mirino  esattamente come nella realtà. Se la cosa vi ha incuriosito e dalla finestra di casa vostra godete di una vista interessante, qui potete trovare un video di come realizzare la vostra camera obscura e qui il lavoro del fotografo Abelardo Morell che sfrutta le immagini che si creano.

Giovanni

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...