Maria Novello, Ti sento: una favola dei tempi moderni

Tra le partecipanti Premio Musa, oggi abbiamo scelto per voi Maria Novello, una fotografa veneta, che ha creato un originale libro d’artista.

Ma vi lascio alle immagini che compongono le pagine del libro e alla prefazione scritta da Simona Guerra.

Presentazione a cura di Simona Guerra:

Ti sento: una favola dei tempi moderni

Il collage è un gioco da bambini, un ricordo lontano per la maggior parte di noi, talvolta collegato all’esperienza della scuola.

Ricordate? La maestra ci dava le carte colorate, la colla, le forbici da usare con cautela, e ci lasciava pasticciare, plasmare, sporcarci le mani, creare mondi che venivano immaginati e dentro al quale vivevamo proprio mentre li costruivamo su un foglio.

Il collage fatto dagli adulti è una grande opportunità. Chi lo pratica si dà il permesso di tornare bambino, di dare sfogo all’inverosimile, al sogno e alla leggerezza, di cui abbiamo così tanto bisogno! E quando dico tornare bambino intendo anche concedersi di osare senza il peso del rischio.

I bambini non hanno idea di cosa voglia dire esporsi al pericolo e sono come fogli bianchi che sperimentano il mondo senza le paranoie degli adulti. I grandi invece hanno l’esperienza e sanno che il collage fotografico è potente perché ritaglia le immagini e incolla i concetti senza l’eventualità di un danno.

Nel lavoro di Maria la componente bambina assume un ruolo complesso e molteplice. E’ bambina la protagonista di questa favola – favola e non storia, perché il fine della favola è far comprendere in modo facile e piano una verità morale, proprio come accade qui– ed è la Maria adulta ad essere tornata nei panni della bambina per salvarla/salvarsi.

Dopo averci mostrato il ‘problema’ che guida l’azione della favola (la subordinazione delle donne nella società di un tempo poco lontano) irrompe la scrittura, che si fa immagine tramite la grafica, forte, dei caratteri e del nero su bianco: “Allora prendo la matita e il quaderno e scrivo quello che non saprei dire a nessuno” leggiamo su una pagina di questo diario intimo rilegato a mano o meglio, cucito assieme.

Per Maria quaderno e penna sono la scrittura con la luce, sono la fotografia. Maria che pensa di non saper dire se non utilizzando immagini e parole insieme e che grazie a esse – come dice l’artista Emilio Isgrò – sceglie la presentificazione dell’assente e l’assenza del visibile.

Il gioco del collage, che gira tutto attorno al concetto del “facciamo finta” e del “come se…”, mette in scena la sua nuova, più appagante, verità. Quello che è stato viene riesaminato con un paio di forbici in mano, e l’immagine nuova rettifica le emozioni, riadatta all’oggi ogni cosa.

Tutto quello che Maria ha prodotto prima di realizzare “Ti sento” è importante per capire questo suo nuovo lavoro, che supera tutto il resto già fatto e che inizialmente non sembrava avere rapporto diretto con l’esperienza catartica e potente che lei ha poi affermato di aver vissuto con “Ti sento”. In realtà questa sua ultima serie sembra essere l’epilogo di un processo iniziato anni addietro; qualcosa che lavora in lei da anni e che ha come comun denominatore lo stupore e come modus operandi la trasposizione simbolica di ciò che le viene offerto dalla realtà per leggerlo in chiave più profonda e curativa.

Con “Ti sento” Maria passa all’azione rendendo la sua fotografia non solo un processo di creazione di bellezza ma anche un’azione di consapevolezza personale sulla propria esistenza e di accettazione del suo vissuto.

E allora: come finisce questa favola?! Beh ovviamente con il migliore lieto fine: la principessa protagonista vince la sua battaglia sull’ingiustizia subìta e si riprende la vita, la fierezza e si congeda da noi con indosso un abito senza tempo, di fattura finissima e preziosa che si chiama Orgoglio femminile

Biografia

Entra nel mondo della fotografia nel 2010.

Ha frequentato un corso base di fotografia con il maestro Francesco Danesin e successivamente corsi di formazione e/o workshop con Giampaolo Romagnosi e Ferdinando Fasolo del Gruppo Mignon di Padova, Francesco Lopergolo, Prosdocimo Terrassan e Moreno Segafredo, Sara Munari, Marco Monari, Vanda Biffani, Giulio Di Meo, Gianni Gardin Berengo con Denis Curti, Silvano Bicocchi, Umberto Verdoliva, Oliviero Toscani, Alberto Buzzanca, Settimio Benedusi, Vinicio Drappo, Monika Bulaj, Silvia Pasquetto.

Partecipa alle attività di Gruppi, Circoli/Club  e Social che si interessano di fotografia.

Le sue ricerche hanno come riferimento prevalentemente la semplicità di azioni, oggetti, persone, natura, nei contesti in cui vive o nei luoghi in cui si trova durante i viaggi in camper, nell’ambito della fotografia documentaristica, reportagistica, di strada; la bellezza nelle sue forme ed espressione nella fotografia astratta o minimale.

Apprezza molto i luoghi in cui il silenzio è rotto solo dal rumore del vento, la sensazione di infinito, l’incanto e la percezione di essere in un posto unico al mondo, l’armonia che pervade tutto e fa pensare che non ci sia nulla da cambiare in essi.

Negli ultimi anni si dedica alla fotografia e ricerca interiore con percorsi introspettivi.

La sua attività fotografica ha riguardato:

Mostre personali:

▪ “BEN-essere NATURA” (2011) Athena Beauty Club Padova

▪ “Magica Luce Artica” (2012) Osteria Bar Il Calice Padova

▪ “Magica Luce Artica” (2013) Gastronomia Rosticceria Da Adriano Bassano del Grappa (VI)

▪ “Oltre il Visibile” (2015) Gastronomia El Bocon del Prete Bassano del Grappa (VI)

▪ “Esaltazione Luce e Ombra” (2017) Biblioteca di Marghera Comune di Venezia ▪ “La Linea  d’ombra” (2017) Gastronomia El Bocon del Prete Bassano del Grappa (VI)

▪ “Sabbie” (2018) NatiXLaCamicia Padova con presentazione Prof. Antonio Lovison

▪ “L’eleganza della semplicità” (2018) Photomarket Mestre (VE)

▪ “Ti sento” (2019) Trevignano Fotografia 10^ Edizione

▪ “Tutto questo cambiare che amore poi diventerà” (2019) Gastronomia El Bocon del Prete Bassano del Grappa (VI)

▪ “Tutto questo cambiare che amore poi diventerà” (2019) Spazio Cartabianca Padova

Presenza di proprie foto in libri fotografici di:

▪ Fotoclub Padova “Padova… dell’Arte l’Anima”

▪ Giovanni Sato “Il realismo della luce”

▪ Giovanni Sato “Percezioni”

▪ Universi Diversi Comune di Padova “Luce e oscurità”

▪ Fotoclub Padova “Europeade Padova 2012

Partecipazione a numerose collettive di Club fotografici.Lettura di propri portfoli da diversi docenti

Annunci

Rispondi