Ansel Adams raccontato da Beaumont Newhall. Che bellezza!

Barbara Morgan, “Ansel Adams and Beaumont Newhall in Barbara Morgan’s Studio”,
© 2016 Barbara and Willard Morgan photographs and papers, Library Special Collections, Charles E. Young Research Library, UCLA

Nel 1958 venne realizzato “Ansel Adams photographer”, un documentario sul fotografo statunitense Ansel Adams (San Francisco, 20 febbraio 1902 – Carmel-by-the-Sea, 22 aprile 1984), da studiare assolutamente oltre che per le sue immagini anche per l’avanguardia delle sue tecniche fotografiche. Questo documentario porta dentro il mestiere di Adams e chi ci guida è la i Beaumont Newhall (1908 – 1993. dal 1954 e il 1958 curatore della George Eastman House di New York)

Il documentario si apre con Newhall che dice: «Qui, vicino al cancello dorato, vive Ansel Adams. Musicista, scrittore, insegnante, fotografo». Poi Adams inizia a raccontarsi attraverso fotografia e musica che considera l’arte per eccellenza.

Il documentario dura 20 minuti, un bellissimo contributo che ci permette di entrare nel mondo affascinante del maestro del bianco e nero

Storia della fotografia; Torino 1984, p. 263. Beaumont Newhall: «Geloso difensore delle bellezze naturali, amante della montagna e della solitudine, Adams dedicò tutto il suo tempo all’interpretazione della natura. Le sue splendide fotografie apparvero in molti libri di cui curava personalmente la pubblicazione. Come Strand, e nella tradizione di Emerson, Stieglitz e Coburn, Adams imparò tutti i complessi segreti della riproduzione fotografica».

Ansel Adams, Canyon de Chelly, Arizona, 1941. Washington D.C., National Archives.

Altre informazioni sull’autore

Ciao Sara

Annunci

Rispondi