Bellamè – L’Aquila dieci anni dopo

Il collettivo MOOD Photography, in occasione del decennale del terremoto dell’Aquila, ha creato il progetto “Bellamè – L’Aquila dieci anni dopo”.

Una mostra, indoor e outdoor, che raccoglie 5 progetti che raccontano storie rappresentative di questi dieci anni dopo il sisma.

Simona Budassi ha seguito le storie di due bambini nati nell’aprile 2009.

Civita di Bagno (AQ). Gabriella davanti al MAP, dove lei e i suoi genitori hanno vissuto in attesa che la loro abitazione fosse di nuovo agibile.

Alessandro Battista si è concentrato sulle modifiche del paesaggio lungo la faglia di Paganica.

Alessandro Battista

Stefano Schirato, insieme alla giornalista Tiziana Pasetti, racconta il dialogo della generazione nata dopo il sisma con il paesaggio ferito, l’unico che abbiano conosciuto.

Stefano Schirato

Il progetto di Simone Cerio ha osservato gli sforzi operati dagli insegnanti dell’Accademia di Belle Arti dell’Aquila per ricreare la funzione sociale all’interno dei centri storici dei paesi colpiti.

Pubblico durante uno degli spettacoli teatrali in rassegna presso il teatro Spazio NobelperlaPace. Questo piccolo teatro a S.Demetrio è una dei tanti segnali di resilienza, nella situazione di degrado culturale che il nucleo aquilano sta vivendo a distanza di 10 anni dal terremoto che l’ha devastata.  Simone cerio

Corrado De Dominicis ha seguito il lavoro della web radio dei ragazzi del Centro Diurno Psichiatrico dell’Aquila.

Corrado De Dominicis

La fotografia incontrerà la street art, grazie all’installazione tramite affissioni di grande formato sulle pareti della ferrovia lungo via Lago di Campotosto a Pescara. L’opera sarà resa possibile grazie al patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Pescara e di RFI – Reti Ferroviarie italiane.

La sezione indoor della mostra inaugurerà invece il prossimo 6 aprile alle 19.00 presso la sede di MOOD Photography, in via dei Marrucini 84 a Pescara.

Sarà possibile sostenere il progetto attraverso l’acquisto di stampe fotografiche FineArt all’interno del sito

Inoltre, al termine delle esposizioni, i materiali in PVC, utilizzati per la mostra, verranno riciclati attraverso la creazione di shopper. Il 50% del ricavato della vendita verrà devoluto  all’Ass.Psicologi per i Popoli-Abruzzo.

Il collettivo MOOD Photography nasce dall’esigenza di costruire un nuovo modello di pensiero. Un gruppo di fotografi pronto a cimentarsi su progetti a lungo termine.

Indipendenza artistica e autoproduzione sono le colonne portanti di questa idea.

Bellamè

Ecco il link al sito internet nel quale è presente la sezione vendita di stampe fotografiche e Shopper per beneficenza.

Ciao! Sara

Annunci

Rispondi