Salviamo l’archivio fotografico di Cameraphoto!

Oggi vi segnaliamo questa importante iniziativa, volta a finanziare il salvataggio di uno uno dei più grandi archivi storici fotografici di Venezia.

Paul Newman. Sean Connery. Sophia Loren. Ernest Hemingway. Salvador Dalì… negli oltre trecentomila negativi conservati nell’archivio dello studio fotografico Cameraphoto di Venezia sono raccolte le immagini di più di cinquant’anni di storia e cultura della città Lagunare: protagonisti del mondo del cinema, artisti di fama internazionale, ma anche elefanti che se ne vanno a zonzo per ponti e calli, bellocce che praticano lo sci d’acqua, invenzioni improbabili e condizioni climatiche estreme! Tutto questo e tanto altro è passato per gli obiettivi dei fotografi dell’agenzia. Corrispondenti dell’ANSA per lunghi anni, gli operatori di Cameraphoto hanno effettuato reportage anche in altre città italiane ed europee, specie in occasione di particolari eventi storici.

Partecipare è semplice, basta andare sulla pagina della campagna di Crowdfunding aperta su Kickstarter e contribuire, magari acquistando una stampa o una maglietta.

 

Negli oltre trecentomila negativi conservati nell’archivio dello studio fotografico Cameraphoto di Venezia sono raccolte le immagini di più di cinquant’anni di storia e cultura della città Lagunare. Dai protagonisti del mondo del cinema agli artisti passando per bizzarre invasioni di elefanti e personaggi eccentrici, camminate sull’acqua, invenzioni improbabili e condizioni climatiche avverse. Tutto questo e molto altro è passato per gli obiettivi dei fotografi dell’agenzia.

Corrispondente dell’ANSA per lunghi anni, Cameraphoto ha effettuato reportage anche in altre città italiane ed europee, specie in occasione di particolari eventi storici. Vittorio Pavan, titolare dello studio, è al tempo stesso memoria e custode di questo straordinario archivio fotografico. Malgrado la cura che ha avuto nella manutenzione dei negativi, la loro particolare composizione chimica e la natura del supporto plastico ne stanno causando il rapido ed inevitabile deterioramento.

Lo scopo della campagna di crowdfunding è quello di raccogliere fondi sufficienti per digitalizzare gli originali e ottenere copia delle immagini in alta risoluzione. DOC Servizi, cooperativa legata al mondo delle arti e sostenitrice del progetto, si è posta l’obiettivo di aiutare la campagna per salvare questo inestimabile patrimonio culturale. Un ulteriore traguardo, sulla base della disponibilità della cifra raccolta, sarà la realizzazione di un sito aperto a tutti per la libera consultazione dell’archivio.

Il video di presentazione e promozione della campagna è stato realizzato dalla casa di produzione ZetaGroup, mentre il comparto DOC Visioni di Venezia, della Cooperativa DOC Servizi, supporterà la cura dei materiali di comunicazione. La crowdfunding agency Ingoal gestirà la campagna che utilizzerà la più importante piattaforma mondiale di finanziamento partecipato, l’americana Kickstarter.

AIUTATECI A CONDIVIDERE E A SUPPORTARE QUESTA IMPORTANTE INIZIATIVA!
Questo è il link della campagna su Kickstarter

Questa è la pagina Facebook dedicata all’iniziativa

Annunci

Rispondi